Un oro al giorno: agli Europei di ciclismo in Trentino, l’Italia viaggia alla grande. Il terzo titolo lo regala Silvia Zanardi, 21 anni, piacentina di Fiorenzuola, cresciuta nel velodromo della sua città: alle tre vittorie continentali in pista del mese scorso, l’azzurra aggiunge adesso quella su strada tra le under 23....

Un oro al giorno: agli Europei di ciclismo in Trentino, l’Italia viaggia alla grande. Il terzo titolo lo regala Silvia Zanardi, 21 anni, piacentina di Fiorenzuola, cresciuta nel velodromo della sua città: alle tre vittorie continentali in pista del mese scorso, l’azzurra aggiunge adesso quella su strada tra le under 23. Con un finale autoritario: con tre compagne entra nella fuga decisiva all’ultimo giro, poi tiene il passo della fortissima ungherese Vas e della francese Muzic e le fulmina allo sprint. Italia padrona fra le under 23, dopo il titolo della Guazzini giovedì nella crono, e protagonista anche fra le junior: sul podio sale, Eleonora Ciabocco, 17 anni, maceratese di Corridonia, campionessa italiana in carica, che centra l’argento in una volata a tre dominata dalla tedesca Linda Riedmann al termine di una prova in cui le azzurrine non vedono premiata una strategia perfetta. Nella stessa categoria, niente da fare per gli azzurrini, che non vanno oltre il quinto posto di Oioli nella gara vinta dal fortissimo francese Romain Gregoire, risultato che non va giù al ct De Candido.

Di medaglie al femminile potrebbe arrivarne un’altra oggi, nella prova su strada elite, dove si rinnova il duello fra l’Italia di Longo Borghini e la straripante Olanda di Van Vleuten e Vos. In gara anche gli under 23, con Norvegia, Olanda e Germania in prima fila e gli azzurri possibili outsider col romagnolo Baroncini e il veneto Zana, professionista con la Bardiani Csf, secondo al Tour de l’Avenir.

Al Tour of Britain terza vittoria di tappa (su sei) di Wout Van Aert su Hayter, che resta leader della corsa.

a. cos.