SZCZESNY 6,5. Poche circostanze per avere paura, o per redimersi del tutto dagli errori recenti. Sul gol di Rebic può poco, è super su Kalulu nel finale. DANILO 6. Toglie ossigeno e idee a Leao: altra prova senza pecche per uno dei giocatori più allegriani di questa Signora. BONUCCI 6,5. Sempre padrone della situazione, riesce a scacciare ogni grattacapo dalla sua...

SZCZESNY 6,5. Poche circostanze per avere paura, o per redimersi del tutto dagli errori recenti. Sul gol di Rebic può poco, è super su Kalulu nel finale.

DANILO 6. Toglie ossigeno e idee a Leao: altra prova senza pecche per uno dei giocatori più allegriani di questa Signora.

BONUCCI 6,5. Sempre padrone della situazione, riesce a scacciare ogni grattacapo dalla sua serata a tutto campo.

CHIELLINI 6,5. Neutralizza a lungo Rebic con la sua eterna tempra. E De Ligt resta in panchina a prendere appunti.

ALEX SANDRO 6,5. Subito ben sintonizzato: avvia l’azione del gol di Morata, immette energia in una Signora di nuovo sul pezzo.

CUADRADO 6. Serata di presidio, a contenere Theo Hernandez. E si accentra spesso per dare man forte in mezzo.

BENTANCUR 6. Tanto ruvido quanto presente, lascia che i riflettori puntino su altri senza mai fare mancare la sua garra.

LOCATELLI 5,5. Equilibratore della mediana, più che direttore: mette la sua lucidità due centimetri davanti alla difesa ma si perde Rebic sul gol.

RABIOT 5,5. Per le prodezze, ripassare. Ma se il Diavolo punge poco, un po’ è anche merito suo: la gamba ce la mette sempre.

DYBALA 6,5. Suo il suggerimento per Morata sul gol: poi l’immancabile estro dispensato ovunque, pur senza trovare l’acuto.

MORATA 7. Potenza e tocco raffinato per il contropiede dell’1-0. Non è Ronaldo ma è un gran bel vedere.

Kean 5,5. Fatica a farsi trovare.

Chiesa 5,5 Al rientro, non ha il tempo per andare in temperatura.

Kulusevski sv.

All. ALLEGRI 6. Dopo Malmoe calibra nuovamente una Juve quadrata, sul pezzo. Ma poi nella ripresa la Signora si rattrappisce e il pari ne è la logica conseguenza.

Voto squadra: 6

Arbitro Doveri 6. Complessivamente sempre in controllo, ha il suo bel daffare in una gara piuttosto nervosa. Il Var non lo aiuta qando Romagnoli appoggia il braccio sulla nuca di Bonucci nell’area piccola.

Paolo Grilli