Cortina 2021 si chiude con lo slalom maschile, uno spettacolo unico sulla DrusciéA, pista bellissima e selettiva. Schwarz, Kristoffersen, Pinturault e Noel sono i favoriti. L’Italia punta su un quartetto di outsider che può regalare una bella sorpresa, con Moelgg (bronzo 2011 e argento 2007), Gross, Razzoli e Vinatzer, già iridato jr. nel 2019 in Val di Fassa. Se la neve regge con le temperature calde, tutto è possibile.

Dopo 2926 giorni sua maestà Mikaela Shiffrin cede invece lo scettro iridato in slalom. A una degna erede, l’austriaca del Voralberg Katharina Liensberger, sorridente, l’unica sempre sul podio in stagione, anche se mai vittoriosa. Fino a questi mondiali ovviamente, dove s’è presa prima il titolo iridato in parallelo, ex aequo con Marta Bassino, e poi, ieri, l’oro più prestigioso dello slalom che al Wunderteam mancava dal 2011 (Marlies Schild nel 2011). Dominando prima e seconda manche e lasciando Vlhova (argento) a 1”00 e Mikaela Shiffrin (bronzo) a 1”98. Per Mikaela, comunque, 11esima medaglia iridata, decima consecutiva. Chapeau.

Gianmario Bonzi