La copertina dell’Equipe di ieri
La copertina dell’Equipe di ieri
"La lezione d’italiano". L’Equipe in Francia ha messo in copertina e nelle pagine interne l’elogio degli azzurri, unendosi al coro unanime di esaltazione per la squadra più bella e divertente degli Europei. In contromano invece, qualche tv inglese e i soliti social, che hanno ironizzato su Ciro Immobile "miracolato": dopo un contatto in area con...

"La lezione d’italiano". L’Equipe in Francia ha messo in copertina e nelle pagine interne l’elogio degli azzurri, unendosi al coro unanime di esaltazione per la squadra più bella e divertente degli Europei. In contromano invece, qualche tv inglese e i soliti social, che hanno ironizzato su Ciro Immobile "miracolato": dopo un contatto in area con Vertonghen resta a terra a rotolarsi ma si rialza all’improvviso al gol di Barella per esultare. A Parigi c’erano tanti francesi - ancora feriti dall’eliminazione dei Bleus - che hanno accolto con esultanza la vittoria azzurra. Un fenomeno di certo facilitato dalla viscerale rivalità con i belgi. "A Monaco - ha scritto persino Le Monde - l’Italia ha impartito una lezione di vivacità e di efficacia al Belgio..." Le lodi francesi hanno eco in tutta Europa: in Germania la Bild esalta Lorenzo Insigne e la sua palla a giro che si insacca a sinistra del portiere, mentre il Frankfurter Allgemeine Zeitung ha avvertito a Monaco "un profumo di immortalità". "Ci aspetta l’Italia" scrive lo spagnolo As, anche qui con foto di Insigne e un elogio al "lavoro e all’astuzia" della squadra di Mancini. In Inghilterra, tackle di Alan Shearer e Gary Lineker, entrambi "voci" delle telecronache inglesi: "Non voglio nemmeno ridere di questo perché è patetico. Immobile dà un’occhiata all’arbitro prima ancora di capire cosa è successo. È imbarazzante", ha commentato l’ex Newcastle Shearer. Grandi risate in studio alla BBC con Lineker: "Sto agonizzando, sto agonizzando! - scherza - che recupero miracoloso!". Se in Inghilterra si ride, il video "virale" della scena - con il presunto fallo sull’attaccante della Lazio - è accompagnato in Francia da una didascalia poco affettuosa: "Dimmi che sei italiano, senza dirmi che sei italiano...".