Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
19 gen 2022

L’arbitro piange e si scusa. E a consolarlo c’è Ibra

Quando l’errore è umano e unisce anziché dividere: l’incredibile vicenda di Serra che causa la sconfitta del Milan e non si dà pace. Ora sarà fermato

19 gen 2022
Rebic protesta e consola allo stesso tempo Serra: una immagine mai vista
Rebic protesta e consola allo stesso tempo Serra: una immagine mai vista
Rebic protesta e consola allo stesso tempo Serra: una immagine mai vista
Rebic protesta e consola allo stesso tempo Serra: una immagine mai vista

Quando un uomo piange, manifesta un sentimento che può essere di gioia, commozione o dolore. L’immagine di Marco Serra da Torino, 39 anni, disperato al termine di Milan-Spezia, è di quelle che devono far riflettere il movimento intero del calcio. Perché, al netto dei processi che si possono fare per una direzione non buona e un macroscopico errore che potrebbe costare addirittura lo scudetto al Milan, dietro c’è un uomo. E l’uomo, si sa, sbaglia. Di certo Marco Serra non dimenticherà mai la serata da incubo vissuta a San Siro. E pensare che stava per portarla comunque a casa, la prestazione grazie all’ausilio del Var, che giustamente era intervenuto sulla mancata concessione del rigore al Milan (poi sbagliato da Theo Hernandez). La frittata in piena zona Cesarini: fallo di Bastoni su Rebic, la palla arriva a Messias che segna. L’arbitro, però, non concede il vantaggio e la rete del brasiliano è inutile. E, da regolamento, non può contare nemmeno sul Var. Uno sbaglio che diventa disastro pochi istanti dopo, quando lo Spezia trova con Gyasi il gol vittoria: da 2-1 a 1-2 in meno di due minuti, complice un Milan che ha sbagliato davvero troppo. Il finale è drammatico, sotto il profilo emotivo, e distrugge l’animo e il morale di Serra, consapevole di averla fatta grossa. Ed ecco le lacrime, dopo che in campo si era già scusato alzando occhi al cielo e braccia in segno di resa. Un gruppo di giocatori del Milan ha provato a parlargli e tra loro c’era anche Ibrahimovic, uno che di vittorie e sconfitte ne ha vissute parecchie. Lo svedese non ha protestato e nemmeno infierito sull’arbitro, anzi. Un gesto da campione, quello dello svedese. Ha provato ad incoraggiarlo sostenuto anche dal club che, nonostante un’ovvia rabbia per quanto accaduto, ha deciso come da ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?