Bagnaia e la Ducati fanno già paura. Rifilando quasi mezzo secondo al primo inseguitore che, nella combinata dei due giorni di test a Jerez, è Takaaki Nakagami (Honda). "Nuova carena, scarico allungato, un motore 2022 che ha un suo caratere e bisogna prima capirlo, ma Ducati ha migliorato una moto già perfetta", le impressioni a caldo di ’Pecco’ (nella foto). Terzo il campione del mondo Fabio Quartararo (Yamaha). Migliore degli italiani Enea Bastianini (Ducati), mentre Franco Morbidelli (Yamaha) ha chiuso 12°, Luca Marini (Ducati) 14° davanti ad Andrea Dovizioso (Yamaha). Grande assente, Marc Marquez, costretto a fare i conti con la diplopia e al riposo forzato. "Ha bisogno di un po’ di tempo per riposare, e vedere se tutta la zona intorno all’occhio è meno gonfia, poi vedremo – l’ultimo bollettino di Alberto Puig, team manager Repsol Honda –. Prima di Natale avrà un altro controllo e valuteremo". Ora tutti in vacanza. Prossima sessione di test dal 5 al 6 febbraio a Sepang.

Marco Galvani