Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
23 gen 2022

La Goggia nella storia, Sinner per la laurea

Sofia vince la discesa di Cortina e supera la Compagnoni, Jannik agli ottavi dell’Australian Open contro l’idolo di casa De Minaur

23 gen 2022
A sinistra Sofia Goggia, 29 anni: ieri vittoria numero 17 in Coppa del mondo. A destra Jannik Sinner, 20 anni, a Melbourne
A sinistra Sofia Goggia, 29 anni: ieri vittoria numero 17 in Coppa del mondo. A destra Jannik Sinner, 20 anni, a Melbourne
A sinistra Sofia Goggia, 29 anni: ieri vittoria numero 17 in Coppa del mondo. A destra Jannik Sinner, 20 anni, a Melbourne
A sinistra Sofia Goggia, 29 anni: ieri vittoria numero 17 in Coppa del mondo. A destra Jannik Sinner, 20 anni, a Melbourne
A sinistra Sofia Goggia, 29 anni: ieri vittoria numero 17 in Coppa del mondo. A destra Jannik Sinner, 20 anni, a Melbourne
A sinistra Sofia Goggia, 29 anni: ieri vittoria numero 17 in Coppa del mondo. A destra Jannik Sinner, 20 anni, a Melbourne

Sofia Goggia nella leggenda, gli azzurri che buttano alle ortiche un podio a Kitzbühel. La regina della velocità ha vinto anche la discesa libera di Cortina D’Ampezzo, è sempre più sola in testa alla coppa di specialità con quattro vittorie in quattro gare, ma soprattutto con la vittoria personale numero 17 supera Deborah Compagnoni e si riavvicina alla Brignone, a quota 18 successi. È l’epilogo di una gara nella quale il vento ha indotto l’azzurra a prendersi molti rischi per centrare in 1’06”98 la sesta vittoria stagionale, a pochi giorni dalla grande paura per la caduta di Zauchensee. "È stata una discesa incredibile, dopo la curva a destra ho preso talmente tanto vento che non vedevo dove mettevo i piedi. Con tutte le cose che ho combinato, vincere è stato un sogno. Poi davanti a Cortina – ha detto la Goggia alla fine –, ho il cuore pieno di emozione. È stata una settimana difficile. Quattro anni fa quando ho vinto qui ero agli albori". Nella classifica generale di Coppa la Goggia è terza a quota 769 punti, dietro Mikaela Shiffrin (966) e Petra Vlhova (929 punti). "Ci ho creduto tantissimo, volevo fare un tuffo con tutti i fan che son venuti a supportarci. Quando mi sono resa conto che ero prima il cuore mi è esploso. Sono contentissima, penso sia una delle vittorie più belle della mia carriera, ma mi concentrerò perché la prossima gara è sempre la più importante e c’è il superg". Che è oggi, anche se la mente della Goggia in parte pensa già alle Olimpiadi di Pechino: la bergamasca, che sarà portabandiera, ha raccontato a proposito della bandiera tricolore: "Mi avvolgo nell’affetto che mi dà, mi carico ed è bellissimo". È andata male invece agli azzurri impegnati nello slalom di Kitzbühel, dopo una prima manche che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?