di Gianmarco Marchini Nel cantiere della Juventus si sono creati cumuli di "x". Troppi come i punti persi per strada da Andrea Pirlo. Sei pareggi su dodici partite di campionato, di cui addirittura cinque per 1-1: più che una curiosa coincidenza, sembra una costante pericolosa. Un’attitudine sbagliata che ha portato i bianconeri ad avere un ritardo di quattro punti dalla vetta occupata dal Milan. Stasera Ronaldo e compagnia...

di Gianmarco Marchini

Nel cantiere della Juventus si sono creati cumuli di "x". Troppi come i punti persi per strada da Andrea Pirlo. Sei pareggi su dodici partite di campionato, di cui addirittura cinque per 1-1: più che una curiosa coincidenza, sembra una costante pericolosa. Un’attitudine sbagliata che ha portato i bianconeri ad avere un ritardo di quattro punti dalla vetta occupata dal Milan. Stasera Ronaldo e compagnia balbettante hanno l’occasione per agganciare provvisoriamente l’Inter al secondo posto e soffiare sul collo del Diavolo. A patto che, ovviamente, i campioni d’Italia non perdano troppo tempo davanti alla specchio a compiacersi della propria vanità. Perché poi lo scettro di più bella del reame rischia di finire sotto la Madonnina. E allora serve cattiveria, quella che va tanto di moda a Milano: la fame dei nerazzurri plasmati a immagine e somiglianza di Conte e l’orgoglio dei rossoneri adoratori del Dio Ibra. Alla Juve manca questa rabbia. Certo, ci si aspetta che la tirino fuori Ronaldo e Morata, chiamati a risarcire la Signora dei punti lasciati nell’ultima sfida con l’Atalanta, per i clamorosi errori del portoghese (anche dal dischetto) e dello spagnolo. Ma la rabbia, Pirlo proverà a estrarla dal pozzo di una panchina dorata. Stasera a Parma dovrebbe toccare di nuovo a Kulusevski. Dejan, dov’eravamo rimasti? Già, il gioiellino svedese, strappato per 35 milioni all’Atalanta, si è un po’ perso nei corridoi di un percorso di crescita che sembrava poter completare a tempi record. Gol (stupendo) al debutto con la Samp, il bis alla quinta giornata con il Verona: poi una lenta discesa fuori dai titolari. Stasera, complice anche l’assenza di Dybala (affaticamento muscolare), lo svedesino dovrebbe trovare spazio proprio contro quel Parma che fu pista del suo decollo. Ora deve riprendere a volare.

Probabili formazioni

Parma (4-3-3): Sepe; Iacoponi, Osorio, Alves, Gagliolo; Hernani, Brugman, Kucka; Karamoh, Cornelius, Gervinho. All.: Liverani.

Juventus (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Kulusevski, McKennie, Bentancur, Chiesa; Ronaldo, Morata. All.: Pirlo.

Arbitro: Calvarese di Teramo.

Tv: ore 20.45, Dazn