Una beffa atroce ha impedito a Robert Kubica di vincere la 24 di Le Mans: il pilota polacco, che ha affrontato la gara con Louis Deletraz e Yifei Yi al volante dell’Oreca 07, si è fermato a causa di un problema tecnico alla vettura all’ultimo giro, quando mancava in pratica un minuto alla fine della gara.

E così a vincere è stata la Toyota, prima nella edizione numero 89 della 24 ore francese, con l’equipaggio composto da Kamui Koboyashi, Mike Conway e Josè Maria Lopez, davanti a Sebastian Buemi, Brandon Hartley e Kazuki Nakajima e all’Alpine di Nicolas Lapierre, Andre’ Negrao e Matthieu Vaxiviere.

C’è stata gloria anche per la Ferrari nella categoria Lmgte Pro e Am: la Ferrari 488 GTE di AF Corse ha conquistato il successo con Alessandro Pier Guidi, James Calado e Côme Ledogar nella classe LMGTE Pro, mentre Nicklas Nielsen, François Perrodo e Alessio Rovera hanno dominato nella LMGTE Am, dove il podio è stato completato dalla 488 GTE di Iron Lynx guidata dagli italiani Rino Mastronardi e Matteo Cressoni e del pilota della Ferrari Driver Academy, Callum Ilott. Starter di eccezione alle 16 di sabato il Presidente della Ferrari John Elkann. Per la Rossa si tratta della 38esima vittoria nella 24 Ore di Le Mans, 29 successi di classe e 9 assoluti. Per la 488 GTE terzo successo nella classica francese.