Il campione del mondo dei 200 metri Noah Lyles ha vinto ia Eugene la finale dei Trials Usa assicurandosi quindi un posto nella squadra olimpica per Tokyo. Lyles ha corso in 19”74, miglior prestazione mondiale dell’anno. Qualificati per i Giochi anche Kenny Bednarek, secondo in 19”78, e il 17enne prodigio Erriyon Knighton (nella foto), terzo in 19”84. E’ proprio quest’ultimo, pur non avendo vinto, a rubare la scena per i tempi che sta facendo segnare alla sua età. Già a inizio giugno aveva strappato a Usain Bolt il record mondiale Under 18 correndo in 20“11, due centesimi in meno rispetto al crono fatto segnare dal fenomeno giamaicano nel 2003. Ora, con 19”84 (tempo già di eccellenza mondiale assoluta), il miglioramento rispetto a quanto fece Bolt è di 29 centesimi: un’enormità, nel mezzo giro di pista. Knighton in un colpo solo ha già fatto suo anche il record mondiale Under 20, sempre di Bolt e risalente al 2004 (19“93).

"A chi mi ispiro? A Usain, sono alto come lui", dice il 17enne, che per ora ha scelto l’atletica ma che potrebbe avere un grande futuro nel football americano. Ora ci sono le Olimpiadi per stupire ancora, poi si vedrà.