Juventus-Atalanta, l'esultanza dei bianconeri (Ansa)
Juventus-Atalanta, l'esultanza dei bianconeri (Ansa)

Torino, 14 marzo 2018 - Missione compiuta per la Juventus che batte l'Atalanta per 2-0 nel recupero della 26esima giornata di Serie A. Per i bianconeri a segno Gonzalo Higuain al 29'esimo del primo tempo, raddoppio di Matuidi a 9 minuti dal termine su assist ancora del Pepita. Con questa vittoria, gli uomini di Allegri si portano a 74 punti in classifica, con quattro lunghezze di vantaggio sul Napoli. I bergamaschi restano invece fermi a quota 41, a sei punti dalla zona Europa League. 

Serie A, risultati e nuova classifica

Juventus-Atalanta 2-0, rivivi il live con azioni e gol in tempo reale

I GOL IN DIRETTA

36' secondo tempo: Matuidi. Juve-Atalanta 2-0

29' primo tempo: Higuain. Juve-Atalanta 1-0

 

Le formazioni ufficiali:

Tabellino

Reti: pt 29' Higuain; st 36' Matuidi.  
Juventus: Buffon; Lichtsteiner (5' st De Sciglio), Benatia, Chiellini, Asamoah; Pjanic, Matuidi; Douglas Costa (33' st Barzagli), Dybala, Mandzukic (16' st Alex Sandro); Higuain.
A disp. Szczesny, Del Favero, Rugani, Khedira, Marchisio, Sturaro, Bentancur. All. Allegri.  
Atalanta: Berisha; Toloi, Mancini, Palomino; Hateboer (25' st Cornelius), de Roon, Haas (12's t Spinazzola), Gosens (19' st Petagna); Cristante, Ilicic, Gomez.
A disp. Gollini, Rossi, Masiello, Freuler, Caldara, Castagne, Melegoni, Barrow. All. Gasperini.

 Arbitro: Mariani.  

Note: espulso Mancini (A) al 34' st per doppia ammonizione.
Ammoniti Hateboer, Mancini, De Roon (A), Alex Sandro, Benatia, Asamoah (J).

SONO 12 DI FILA - di FRANCESCO BOCCHINI

Più che Signora, la Juventus è adesso padrona assoluta del campionato. Contro l'Atalanta arriva la dodicesima vittoria dei campioni d'Italia in carica, che sia aggiudicano il recupero della 26esima giornata grazie ai gol di Higuain e Matuidi. Un successo chiave per Madama, adesso a +4 nei confronti del Napoli, per il quale la strada verso lo Scudetto si fa a dir poco in salita. 

In partenza è di nuovo 4-2-3-1 per la Juve, questa volta però con quattro attaccanti di ruolo in avanti. Mandzukic infatti ritrova una maglia da titolare e a farne le spese è Khedira, panchinato da Allegri in favore della coppia davanti alla difesa Pjanic-Matuidi. La scelta si rivela azzeccata, perché i due fanno filtro in mezzo al campo, dando dinamismo e qualità alla manovra bianconera. Nonostante la pochezza di occasioni, la gara è godibile. L'Atalanta affronta la Signora a viso aperto, forse anche troppo, perché in difesa soffre le ripartenze dei piemontesi. E difatti, dopo la chance capitata a Matuidi, con il tiro del francese salvato in angolo da Palomino, Madama passa in vantaggio facendo leva sulla velocità di Douglas Costa. 

Il brasiliano prende in contropiede la retroguardia nerazzurra, bucandola centralmente e servendo ad Higuain un assist che il Pipita non può sprecare. Sbloccato il punteggio, la Juve trova dinanzi a sé ulteriori praterie. Higuain prova a sfruttarli al 42', ma il suo tentativo termina di poco a lato. E' questa l'ultima emozione di un primo tempo comunque equilibrato, ma dove gli uomini di Allegri si sono fatti preferire, gestendo bene il ritmo della gara e contenendo gli attacchi di Gomez e compagni, mai capaci di rendersi pericolosi dalle parti di Buffon. 

Dagli spogliatoi rientra una Dea più incisiva in avanti, anche se le due occasioni in apertura di ripresa nascono entrambe da calcio piazzato. Prima la punizione di Ilicic deviata da Higuain, ma soprattutto la punizione di Mancini (sugli sviluppi di un angolo) mettono i brividi alla Signora, la cui reazione è rabbiosa. La rapidità di Douglas Costa mette ancora in imbarazzo la difesa bergamasca, ma fra l'ex Bayern Monaco e la gioia personale si frappone il palo esterno. Ghiottissimo anche il pallone che capita sui piedi di Pjanic, che dal limite fa la barba al palo. L'impeto bianconero cala alla distanza e l'Atalanta spinge alla ricerca del pari.

Allegri corre così ai ripari, inserendo Alex Sandro e Barzagli. Poi l'episodio che chiude la partita. A 10' dalla fine, Mancini commette due ingenuità, di cui l'ultima in occasione di una serpentina di Chiellini, facendosi espellere per somma di ammonizione. Madama non perde tempo e ne approfitta immediatamente. Decisivo ancora una volta Higuain, che come contro l'Udinese indossa i panni di assistman. L'argentino è lucido nell'area nerazzurra nel recapitare il pallone del 2 a 0 a un liberissimo Matuidi. La Dea alza bandiera bianca, confermando la sua allergia nei confronti degli scontri in casa della Juve, dove non vince dal lontano 1989.

 

JUVE_29215840_193339

Barcellona-Chelsea in tv, formazioni e diretta dalle 20.45