Pur rimanendo fra i 1.500 uomini più ricchi del pianeta, nel 2020 Michael Jordan (nella foto), 58 anni, per molti il miglior cestista di tutti i tempi, businessman e primo uomo di colore ad essere unico proprietario di una franchigia Nba, i Charlotte Hornets, nell’ultimo anno ha accumulato perdite per 500 milioni di dollari (circa 420 milioni di euro). Lo riferisce la rivista ‘Forbes’, spiegando che negli ultimi dodici mesi il patrimonio del leggendaro ‘Air’ è sceso del 24%, passando dai due miliardi e 100 milioni di dollari dell’aprile 2020 al miliardo e 600 milioni (circa un miliardo e 320 milioni di euro) di oggi.

Le perdite accumulate da Jordan nell’ultimo anno, sempre secondo ‘Forbes’, sono state provocate da investimenti fatti in ambiti extrasportivi, e dalla pandemia.