di Leo Turrini "Questo qui me lo ritrovo sempre tra i piedi!". Nella frase pronunciata via radio da Max Verstappen durante le prove libere del mattino, mentre si apprestava a sorpassare Lewis Hamilton, beh, c’è tutto il senso di quello che sarà oggi il Gran Premio di Stiria di Formula Uno. Sulla pista di proprietà della Red Bull, l’olandese ha conquistato un’altra pole. Ma la retrocessione di tre posti sulla...

di Leo Turrini

"Questo qui me lo ritrovo sempre tra i piedi!".

Nella frase pronunciata via radio da Max Verstappen durante le prove libere del mattino, mentre si apprestava a sorpassare Lewis Hamilton, beh, c’è tutto il senso di quello che sarà oggi il Gran Premio di Stiria di Formula Uno. Sulla pista di proprietà della Red Bull, l’olandese ha conquistato un’altra pole. Ma la retrocessione di tre posti sulla griglia di partenza di Bottas restituisce al Tulipano il compagno più...scomodo: Hamilton, che in qualifica era stato più lento del maggiordomo finlandese, sarà comunque in prima fila.

È davvero un peccato (e lo scrivo con gran dispiacere!) che la Ferrari continui a recitare da comparsa: con una Rossa protagonista, questo mondiale già bello sarebbe addirittura bellissimo. Invece, salvo miracoli, anche oggi il Cavallino resterà estraneo alla lotta per la vittoria. Leclerc ha faticato a collocare la vettura in quarta fila, Sainz nemmeno è entrato nella top ten. Persino la McLaren di Norris ha un altro passo.

Questo passa il convento di Maranello e mi sa tanto che fino al 2022 le cose non cambieranno.

Forse un tifoso ferrarista deve munirsi di fede (nel mito), speranza (nel futuro) e carità (nel giudizio su chi gestisce un presente malinconico, figlio di errori che vengono da lontano).

Fine della predica. Orate, fratres.

Il duello. Torniamo a Verstappen versus Hamilton. L’erede al trono è in una forma pazzesca. Non si è mai nascosto, Max. Ha una lingua abrasiva. E un Piedone pesantissimo. Figuriamoci adesso. "Sta andando tutto bene – ha detto l’olandese – Siamo sulla nostra pista e vogliamo dimostrare di essere i più forti. Mi aspetto una gara tiratissima, la Mercedes non molla mai".

Hamilton, in verità, ieri ha scelto il basso profilo. Ieri il sette volte iridato non è stato perfetto, ha commesso più di un errore, risultando come già detto più lento di Bottas. "Non mi aspetto miracoli– ha detto Lewis – Qui in Austria la Red Bull è più veloce di noi di almeno due decimi al giro. Ci proverò, ma non sono io il favorito".

In tv. Il Gp di Stiria scatta oggi alle 15. DirettaSky.