"Magnetico, competente, vincente. Ma soprattutto un grande amico del softball italiano e mondiale". Andrea Marcon, il presidente della federbaseball, usa queste parole per salutare l’amico scomparso. A 62 anni, per Covid, ci ha lasciato Enrico Obletter, il ct che aveva portato la Nazionale alle Olimpiadi di Tokyo. "Il creatore – scrive la Fibs –, mente e cuore del progetto che in tre anni ha collocato l’Italia nell’élite di questo sport, con la conquista dell’Europeo e della qualificazione ai Giochi". Nato a Sydney nel 1959, Obletter era tornato in Abruzzo nel 1984. Nove scudetti e cinque Coppa Campioni con i club, poi l’apoteosi azzurra. E la prematura scomparsa a L’Aquila.