Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
18 giu 2022

Il turbo e l’incognita meteo Ferrari, vietato sbagliare

Gp del Canada cruciale dopo l’incubo Baku, pole alle 22. ’Porpoising’, è scontro

18 giu 2022
leo turrini
Sport
Charles Leclerc, 24 anni
Charles Leclerc, 24 anni
Charles Leclerc, 24 anni
Charles Leclerc, 24 anni
Charles Leclerc, 24 anni
Charles Leclerc, 24 anni

di Leo Turrini

Certo, certissimo. Anzi, probabile. Insomma, Carletto Leclerc ha inaugurato il week end canadese senza montare una nuova versione del turbo. Per ora, quindi, l’idolo dei ferraristi non è esposto al rischio di una penalizzazione di dieci posizioni sulla griglia di partenza. Ma c’è ancora tempo per prendere una decisione definitiva: lo stesso Leclerc ha ammesso che i vertici della Scuderia stanno valutando l’ipotesi.

Per quanto riguarda le cause del crack di Baku, dopo aver esaminato a Maranello la power unit “incriminata” la Ferrari ha fatto sapere di non escludere che la rottura sia una conseguenza di quanto era già accaduto a Barcellona.

Una frase che vuol dire tutto e il contrario di tutto. Speriamo bene.

La pole. La griglia del Gran Premio del Canada, eventuali penalità a parte, sarà determinata dalle qualifiche di stasera, in programma tra le 22 e le 23 (ora italiana). Ieri nella prima sessione di prove libere il più veloce era stato Max Verstappen, con Sainz secondo e Leclerc quinto.

Il meteo è incerto, potrebbe anche piovere sul circuito che porta il glorioso nome di Gilles Villeneuve.

Canguri. Intanto non si placano le polemiche sulla decisione della Fia di intervenire da subito per ridurre i sobbalzi delle monoposto. In Canada dovrebbe essere semplicemente attivato un monitoraggio, installando sensori nell’abitacolo dei piloti. Poi si vedrà.

I piloti sull’argomento si sono divisi. Ovviamente favorevole Hamilton, che si era lamentato tantissimo per i rischi di salute dovuti al “porpoising“ in questa stagione di vetture rivoluzionate. Contrario Verstappen ("Ci sono squadre che hanno lavorato meglio e altre che hanno lavorato peggio"). Distinti e distanti anche i team.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?