Mentre i club della Premier dovranno sottostare ad un nuovo regolamento per rispettare il fair play finanziario, torna alla luce un vecchio contratto di Roberto Mancini, quando il ct azzurro allenava il Manchester City. Lo ha raccontato il Times citando un’inchiesta di Der Spiegel basata a sua volta su informazioni ottenute da Football Leaks, e collegando i fatti alla scelta della Premier League di cambiare le regole, dopo l’acquisizione del Newcastle da parte del fondo saudita Pif, per controllare meglio il modo in cui giocatori e tecnici verranno pagati.

Il Times cita tra gli esempi di una gestione economica legale ma controversa il caso di Mancini: secondo il rapporto Football Leaks, ai tempi del City l’attuale ct avrebbe avuto un contratto con il club da 1,45 milioni di sterline e un altro più redditizio da 1,75 milioni come consulente per Al Jazeera ad Abu Dhabi, società di proprietà dello sceicco Mansour che controlla anche il City. In Premier eventuali partnership commerciali o accordi di sponsorizzazione individuali da parte di giocatori o dirigenti con società legate al loro club saranno regolate in modo diverso.