Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 gen 2022

Handanovic è da finale, la Dea non passa

Dopo i 120 minuti di Supercoppa l’Inter non regala nulla: Samir la salva due volte, ma l’Atalanta aveva mezza squadra fuori

17 gen 2022
mattia todisco
Sport
Così Musso nega il gol a Sanchez che carico per la Supercoppa è entrato in campo a mille: dall’altra parte Handanovic ha fatto altrettanto su Pessina
Così Musso nega il gol a Sanchez che carico per la Supercoppa è entrato in campo a mille: dall’altra parte Handanovic ha fatto altrettanto su Pessina
Così Musso nega il gol a Sanchez che carico per la Supercoppa è entrato in campo a mille: dall’altra parte Handanovic ha fatto altrettanto su Pessina
Così Musso nega il gol a Sanchez che carico per la Supercoppa è entrato in campo a mille: dall’altra parte Handanovic ha fatto altrettanto su Pessina
Così Musso nega il gol a Sanchez che carico per la Supercoppa è entrato in campo a mille: dall’altra parte Handanovic ha fatto altrettanto su Pessina
Così Musso nega il gol a Sanchez che carico per la Supercoppa è entrato in campo a mille: dall’altra parte Handanovic ha fatto altrettanto su Pessina

di Mattia Todisco Con una mole di occasioni come quella vista a Bergamo, è incredibile dover raccontare uno 0-0. Il primo attacco del campionato contro il terzo, Inter di fronte all’Atalanta padrona di casa, non riescono a trovare la porta per la bravura dei due portieri (particolarmente Handanovic) e un pizzico d’imprecisione. Considerate le premesse, date da una lunga lista di assenzi che penalizzava ieri i bergamaschi, ad uscire meglio nel morale è la squadra di Gasperini. Il tecnico deroga a uno dei suoi credo più celebri, la difesa a tre, schierando Djimsiti come quarto a destra e mantenendo alto il pressing per non far respirare l’Inter. Muriel fa correre un brivido sulla schiena a Gasperini toccandosi un quadricipite dopo un contrasto con Skriniar, resta invece in campo e sarà uno tra i migliori. Anche Inzaghi tira presto un sospiro di sollievo, per un passaggio errato di Pessina con il colombiano libero in campo aperto. I problemi più grandi per l’Inter sembrano l’uscita dalla pressione e i tacchetti sotto le scarpe, visto che in un quarto d’ora scivolano in posizione di campo pericolosa sia Brozovic che Bastoni. La prima grande parata tra Musso e Handanovic la fa il primo, evitando problemi a Massa: l’argentino ferma Sanchez lanciato a rete dopo un pallone rubato a Muriel da Barella, probabilmente con un fallo (non fischiato). In generale l’Inter crea le occasioni migliori non quando costruisce dal basso, ma quando si distende dopo aver recuperato palla. Manca però il bersaglio due volte con Dzeko e una con Sanchez appunto. Man mano che i minuti passano viene fuori l’Atalanta, con un colpo di testa centrale di Pessina e un inserimento di Pasalic chiuso con mestiere dal connazionale Perisic. L’altro croato in campo, Brozovic, è protagonista in negativo a inizio ripresa: non opta per lo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?