Beppe Tassi

italia di Mancini vuole scrivere la storia. La conferma arriva nella serata che apre le qualificazioni al mondiale del Qatar 2022 .

È una squadra che vuol essere in tutto degna dei cinque grandi azzurri celebrati con un ricordo commosso prima della sfida con l’Irlanda del Nord. Per essere eredi di Anastasi, Bellugi, Corso, Prati e Pablito Rossi serve una squadra ricca di qualità tecnica e valori morali. Una miscela che Mancini sta costruendo con pazienza e metodo.

Lo dimostrano le scelte del commissario tecnico, puntualmente premiate dal campo. Berardi, preferito a Chiesa, é il mattatore dell’avvio con gol di forza ciclonica degno del miglior Riva e un paio di assist al bacio. E Immobile, al centro dell’attacco, trova finalmente il gol azzurro che gli mancava da due anni.

L’avversario è modesto: numero 45 del ranking mondiale, fuori dell’Europeo e retrocesso nella Nations League. Ma l’Italia del gioco, del coraggio tattico e della qualità trova la strada per spezzare il catenaccione irlandese.

Segue all’interno