Gregorio Paltrinieri e a destra Dario Verani, entrambi 26 anni. (f. Staccioli/Inside-Dbm)
Gregorio Paltrinieri e a destra Dario Verani, entrambi 26 anni. (f. Staccioli/Inside-Dbm)
di Leo Turrini L’Uomo Delfino colpisce ancora. GregOro non cambia metallo. Agli Europei di nuoto, in Ungheria, Paltrinieri vince subito la 5 chilometri di fondo. "Mi sono divertito come un pazzo – ha raccontato il fuoriclasse emiliano –. Ho fatto a spallate, ho dato e ho preso botte, è stato bello". La cosa curiosa è che la prova sui cinque chilometri non rientra nel programma della...

di Leo Turrini

L’Uomo Delfino colpisce ancora. GregOro non cambia metallo. Agli Europei di nuoto, in Ungheria, Paltrinieri vince subito la 5 chilometri di fondo. "Mi sono divertito come un pazzo – ha raccontato il fuoriclasse emiliano –. Ho fatto a spallate, ho dato e ho preso botte, è stato bello".

La cosa curiosa è che la prova sui cinque chilometri non rientra nel programma della Olimpiade. Gregorio l’ha disputata perché ama gareggiare lontano dalle piscine. Del resto ha sempre spiegato che l’amore per il nuoto è figlio del mare. Usciva in gommone con i genitori e sfidava il papà tra le onde. Non di rado battendolo...

La scelta. La suggestione della memoria ha influito sulle prospettive di carriera di Paltrinieri. In vasca ha costruito il suo regno, ha dominato una Olimpiade sui 1500, ha consolidato notorietà e prestigio estendendo la supremazia pure agli 800.

Ma c’era, sullo sfondo, il ricordo delle acque libere. E quando Gregorio ha annunciato di voler allargare il sogno in chiave olimpica anche al fondo, non pochi hanno storto il muso. Chi glielo fa fare? Non rischia di disperdere le energie? Non sempre chi non lascia raddoppia... Di mezzo, c’è l’orgoglio del personaggio. Paltrinieri non teme la fatica e non si tira indietro. Mai. Ha cambiato allenatore, ha cambiato vita, ha sopportato come tutti il rinvio dei Giochi causa pandemia. Adesso, rieccolo qua.

Il bis. Oggi, all’Europeo ungherese, GregOro andrà a caccia anche nella dieci chilometri, la prova olimpica. Parteciperà poi alla staffetta dei fondisti, prima di resettare mentalmente per riappropriarsi della dimensione da piscina.

"La prossima settimana parteciperò sia agli 800 che ai 1500 – ha spiegato l’azzurro –. La mia marcia di avvicinamento a Tokyo procede spedita. Vincere mi aiuta nella preparazione, alternare gli sforzi non è un problema". Ieri l’altro azzurro Verani ha preso il bronzo mentre Giulia Gabbrielleschi ha preso l’argento nella gara femminile.