Francesco Molinari
Francesco Molinari

PRIMO GIRO: Francesco Molinari ha avuto una partenza difficile nel “The American Express”, dove occupa il 131° posto con 73 (+1) colpi. Nel torneo del PGA Tour, che si svolge con formula pro-am (un pro e un dilettante) sui tre percorsi dello Stadium Course, del La Quinta CC e del Nicklaus Tournament Course (tutti par 72) a La Quinta in California, sono al comando con 64 (-8) Zac Blair e Grayson Murray. Hanno un colpo di margine su Rickie Fowler, Hank Lebiola e Scottie Scheffler, terzi con 65 (-7), e due su un gruppo di otto concorrenti tra i quali Andrew Landry, lo scozzese Russell Knox e l’australiano Cameron Davis (66, -6). Al 37° posto con 68 (-4) l’inglese Paul Casey, al 49° con 69 (-3) Adam Long, campione in carica e Tony Finau e al 74° con 70 (-2) Phil Mickelson ambasciatore dell’evento, secondo lo scorso anno e a segno nel 2002 e nel 2004.

Zac Blair, 29enne di Salt Lake City (Utah), senza titoli nel circuito, ha realizzato otto birdie senza bogey al La Quinta Course, e Grayson Murray, 26enne di Raleigh (North Carolina), anch’egli a caccia del primo successo, ha messo insieme nove birdie e un bogey sul percorso dello Stadium Course.

Francesco Molinari, sul tracciato del La Quinta, ha iniziato con un birdie alla seconda buca che ha raddoppiato alla 13ª, ma un doppio bogey e un bogey sulle due successive hanno vanificato il buon lavoro effettuato fino a quale momento. Montepremi di 6.700.000 dollari per una gara dove il taglio si effettuerà dopo 54 buche quando tutti i concorrenti si saranno alternati sui tre campi.

“Buca in uno” di Martin Laird - Lo scozzese Martin Laird, 49° come Finau e Long, ha realizzato una “hole in one” mettendo a segno la palla direttamente dal tee alla buca 6 dello Stadium Course (par 3, yards 207) utilizzando un ferro 5. Ha completato il parziale di 69 con tre birdie e due bogey. E’ la sua seconda “buca in uno” sul circuito dopo quella nello Houston Open (2019)

Il torneo su GOLFTV – Il “The American Express” viene trasmesso in diretta e in esclusiva su GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it) con collegamenti ai seguenti orari: da venerdì 17 gennaio a domenica 19, dalle ore 21 alle ore 1.

PROLOGO: Francesco Molinari inizia il 2020 dal “The American Express” (16-19 gennaio), torneo del PGA Tour che si svolge con formula pro-am (un pro e un dilettante) sui tre percorsi dello Stadium Course, del La Quinta CC e del Nicklaus Tournament Course a La Quinta in California, con taglio dopo 54 buche quando tutti i concorrenti si saranno alternati sui tre campi. 

Molinari, 37enne torinese. è rimasto a riposo per circa due mesi, con ultima apparizione nel DP World Tour Championship, evento finale dell’European Tour svoltosi a fine novembre, e appare ben deciso a ritornare ai livelli del 2018 e a risalire nel world ranking (attualmente 20°), dopo la stagione scorsa con alti e bassi e un solo successo (Arnold Palmer Invitational, PGA Tour).

Difende l’unico titolo in carriera, ottenuto quando l’evento aveva il nome di Desert Classic, Adam Long, 32enne di New Orleans (Louisiana), che ha scarse possibilità di ripetersi in un field che comprende, tra gli altri, Tony Finau, Rickie Fowler, Kevin Kisner, Zach Johnson, Cameron Champ, Brendan Steele, beffato domenica scorsa al playoff nel Sony Open dall’australiano Cameron Smith, assente nell’occasione, Brendon Todd, due successi in stagione, l’emergente Matthew Wolff e Phil Mickelson, ambasciatore dell’evento, secondo lo scorso anno e a segno nel 2002 e nel 2004. Da seguire anche il messicano Abraham Ancer, l’inglese Paul Casey e il coreano SungJae Im. Il montepremi è di 6.700.000 dollari.