Guido Migliozzi
Guido Migliozzi

L’inglese Paul Casey ha vinto con 274 (66 73 69 66, -14) colpi il Porsche European Open, firmando il 14° titolo sull’European Tour, dove non si imponeva dal 2014, e facendo ancor più crescere l’attesa per la sua presenza al prossimo Open d’Italia (Olgiata GC, 10-13 ottobre) dove sarà in gara insieme a tanti altri campioni. 

Sul percorso del Green Eagle Golf Courses (par 72) ad Amburgo in Germania, è stato tra i protagonisti fino alle ultime buche Guido Migliozzi, settimo con 278 (71 68 72 67, -10), terza miglior prestazione stagionale dopo le sue due vittorie (Kenya Open e Belgian Knockout).

In un finale molto combattuto e ricco di colpi di scena Casey, 42enne di Cheltenham nel cui palmarès figurano anche tre successi sul PGA Tour e quattro presenze in Ryder Cup, con un parziale di 66 (-6, sei birdie senza bogey), ha superato di un colpo l’ottimo giovane irlandese Robert MacIntyre e il tedesco Bernd Ritthammer, entrambi in vetta dopo tre turni, e l’austriaco Matthias Schwab (275, -13). In quinta posizione con 276 (-12) l’austriaco Bernd Wiesberger, che giunto in club house prima degli altri aveva posto l’asticella da superare appunto al suo “-12”, ma con troppi concorrenti in campo per sperare. E’ stato tuttavia autore con 64 (-8) dello score più basso di giornata, imitato dal francese Romain Wattel, sesto con 277 (-11). Insieme a Migliozzi lo spagnolo Pablo Larrazabal, mentre non hanno lasciato il segno due attesi protagonisti quali gli statunitensi Patrick Reed, campione Masters 2018, 36° con 289 (+1), e Xander Schauffele, secondo nella recente FedEx Cup, 46° con 290 (+2).

Guido Migliozzi ha concluso la sua bella prestazione con un 67 (-5) dovuto a otto birdie e a tre bogey. Sono usciti al taglio gli altri italiani in gara: Renato Paratore (77 73) e Lorenzo Gagli (75 75), 105.i con 150 (+6), Matteo Manassero, 143° con 157 (81 76, +13), e Filippo Bergamaschi, 145° con 158 (77 81, +14).

TERZO GIRO: Guido Migliozzi, settimo con 211 (71 68 72, -5), è rimasto in alta classifica e parteciperà alla volata finale per il titolo nel Porsche European Open (European Tour), che termina sul percorso del Green Eagle Golf Courses (par 72) ad Amburgo in Germania.

In vetta alla graduatoria il tedesco Bernd Ritthammer (207 - 71 66 70, -9), ha raggiunto lo scozzese Robert MacIntyre (207 - 68 65 74), che ha notevolmente rallentato. La coppia ha un colpo di vantaggio sull’inglese Paul Casey (208, -8), che sarà uno dei protagonisti nel prossimo Open d’Italia (Olgiata GC, 10-13 ottobre), e due sullo spagnolo Pablo Larrazabal e sull’austriaco Matthias Schwab (209, -7). In corsa per il titolo anche l’inglese Ben Evans, sesto con 210 (-6), e il danese Jeff Winther, che affianca Migliozzi. Sono fuori gioco gli statunitensi Patrick Reed, 32° con 217 (+1), che ha guadagnato 13 posizioni, e Xander Schauffele, 42° con 218 (+2), che ne ha perse 28.

Bernd Ritthammer ha segnato un 70 (-2) con cinque birdie e tre bogey e Robert MacIntyre si è fatto riprendere con un 74 (+2, un birdie, tre bogey). Guido Migliozzi ha passato un momento difficile alle buche 10 e 11 con la sequenza bogey-triplo bogey, ma è rimasto nel 72 del par con quattro birdie nel resto del tracciato.

Sono usciti al taglio gli altri quattro italiani in gara: Renato Paratore (77 73) e Lorenzo Gagli (75 75), 105.i con 150 (+6), Matteo Manassero, 143° con 157 (81 76, +13), e Filippo Bergamaschi, 145° con 158 (77 81, +14). Il montepremi è di 2.000.000 di euro.

Il torneo su GOLFTV - Il Porsche European Open viene teletrasmesso in diretta e in esclusiva su GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it). Quarta giornata: domenica 8 settembre, dalle ore 12,30 alle ore 17