Rory McIlroy
Rory McIlroy

Rory McIlroy ha alzato le mani lentamente mentre veniva avvicinato da una piccola folla di reporter in attesa sulla scalinata di fronte alla clubhouse del TPC Sawgrass.

“È la decisione giusta al 100%“, ha detto McIlroy. “Se tra qualche settimana la situazione si calmerà e tutto andrà bene, sarà comunque la decisione giusta”.

“Questa è una di quelle cose in cui dobbiamo solo aspettare e vedere. È così incerto, ed è ovvio che continuerò a giocare a golf, ma andrò là fuori a esercitarti senza sapere per cosa mi sto esercitando”, ha aggiunto McIlroy.

“Quando le autorità diranno che è sicuro farlo”, McIlroy ha detto di una data di ritorno. “Tutto quello che si può fare è seguire le linee guida delle persone che conoscono davvero questa cosa”.

Il campione in carica della FedExCup non è stato il solo a reagire positivamente alla decisione.

“Questo è ovviamente un affare molto serio, e penso che al momento non potrà che peggiorare, quindi è meglio per noi non giocare a golf”, ha detto Gary Woodland campione degli U.S. Open.

Jack Nicklaus è stato veloce a lodare la mossa: “Questa è stata una settimana di incredibile preoccupazione, confusione e frustrazione in tutto il mondo sportivo. Ma per quanto riguarda lo sport, plaudo alle decisioni prese e alle azioni intraprese da tutte le organizzazioni sportive e dagli organi dirigenti, e speriamo che producano il risultato voluto”.

“Abbiamo un problema più grande tra le mani”, ha detto Rahm “Come ho detto molte volte, sono abbastanza spaventato perché c’è un bel po’ di gente nella mia famiglia con l’asma, e mia nonna di 85 anni è una di loro”, ed ha aggiunto, “E non c’è niente che io possa fare perché non posso tornare a casa”.

L’austriaco Bernd Wiesberger avrebbe dovuto prendere l’ultimo volo Austrian Airlines per Vienna venerdì pomeriggio, prima dell’entrata in vigore del divieto di viaggio.

“Penso che sia la mossa giusta”, ha dichiarato Wiesberger, Non vedo l’ora di tornare a casa e di stare con la mia famiglia… ma sono tempi senza precedenti”.

“Non ho dormito bene la scorsa notte, ma non è stato perché non ero in gara” ha dichiarato Zach Johnson. “Non ho dormito la scorsa notte a causa del momento in cui ci troviamo”, aggiungendo che questo sarà un periodo di grande riflessione per tutti.

Senza una data di ritorno concreta, data la situazione in continuo cambiamento in tutto il mondo, i giocatori non erano sicuri di come avrebbero trascorso le prossime settimane.

La maggior parte ha detto che si sarebbe concentrata sui propri familiari, altri, tra questi Jason Day, hanno detto che lo avrebbero usato come tempo di recupero dagli infortuni.

“Andremo a casa e ci rilasseremo un po’, in un certo senso lo prenderemo come una mini offseason”, ha detto Rickie Fowler.

Con il passare dei giorni, e l'aggravarsi della situazione globale, aumentano le cancellazioni. Dopo i primi due major si guarda con attenzione a The Open Championship mentre sono saltati tutti i tornei sino a metà maggio