"Ai Mondiali di Roubaix non si va a giocare", è la frase di Filippo Ganna diventata slogan per la rassegna iridata della pista che scatta oggi nel Nord della Francia. In palio 26 titoli, con l’Italia che lega le maggiori speranze proprio a SuperPippo, sperando che abbia superato i guai a una costola: il missile azzurro sarà in gara già oggi con Lamon, Consonni e Milan nelle qualificazioni del quartetto, dove siamo favoriti in quanto campioni olimpici, ed è atteso venerdì nell’inseguimento individuale dove la caccia al quinto titolo potrebbe essere un derby italiano con Milan, anche lui reduce da una caduta in allenamento. Subito in pista anche il quartetto donne con l’iridata della strada Elisa Balsamo che cerca un posto nelle finali di domani, poi toccherà a Viviani, che fra scratch, eliminazione e omnium insegue l’oro.