Ancora medaglie azzurre agli Europei di Budapest nel fondo e nei tuffi sincro. La coppia azzurra formata da Chiara Pellacani ed Elena Bertocchi è argento, nella gara del sincro 3 metri, mentre nel fondo, Matteo Furlan, ha conquistato l’argento nella 25 chilometri al Lupa Lake in 4h35’59”8, aggiungendolo al bronzo di Glasgow 2018 e al secondo posto di Hoorn 2016. Vince il francese Axel Reymond,...

Ancora medaglie azzurre agli Europei di Budapest nel fondo e nei tuffi sincro. La coppia azzurra formata da Chiara Pellacani ed Elena Bertocchi è argento, nella gara del sincro 3 metri, mentre nel fondo, Matteo Furlan, ha conquistato l’argento nella 25 chilometri al Lupa Lake in 4h35’59”8, aggiungendolo al bronzo di Glasgow 2018 e al secondo posto di Hoorn 2016. Vince il francese Axel Reymond, bicampione del mondo in carica e d’Europa a Berlino 2014 ed Hoorn 2016 e già bronzo a Piombino 2012. Al terzo posto il russo Kirill Abrosimov che tiene dietro Alessio Occhipinti, quarto; sesto Simone Ruffini. A seguire clamoroso bronzo di Barbara Pozzobon in 4h54’58”7 alle spalle della tedesca Lea Boy, già argento nel team event e iridata nella stessa staffetta a Gwangju, che domina la prova in 4h53’57, e alla francese Lara Grangeon, bronzo iridato a Gwangju, seconda in 4h54’58”4. "Otto medaglie di cui tre d’oro erano un bottino difficile anche da sperare": il commento finale di Stefano Rubaudo, coordinatore tecnico del settore fondo che ha ritirato il premio per il Best Team.

Da oggi l’Italnuoto si trasferisce alla Duna Arena per le gare in vasca, che cominceranno stamani alle 10 con le batterie. Il capo delegazione, Marco Bonifazi, ha partecipato alla riunione per le iscrizioni gara ufficiali. Rispetto alle liste provvisorie Federica Pellegrini è stata cancellata dai 50 sl, mentre Alberto Razzetti non farà i 200 farfalla. "I campionati Europei nell’anno olimpico sono sempre stati considerati una tappa di passaggio; invece in questa occasione acquisiscono un’importanza ulteriore perché consentono agli atleti di confrontarsi con avversari internazionali e per testare la propria condizione dopo il lungo stop da pandemia. La prima settimana in acque libere al Lupa Lake ci restituisce Greg Paltrinieri e Domenico Acerenza in ottime condizioni. La manifestazione sarà l’occasione per qualificare le staffette 4x100 mista maschile e le 4x100 e 4x200 sl femminili che non hanno ancora il pass olimpico": sottolinea il dt Cesare Butini.