Margherita Panziera, 25 anni: ha vinto gli Europei in ‘lunga’ nel 2018 (foto Dbm)
Margherita Panziera, 25 anni: ha vinto gli Europei in ‘lunga’ nel 2018 (foto Dbm)
C’è soprattutto Tokyo nei sogni di chi scende in vasca agli Assoluti di Nuoto di Riccione. E’ una caccia al pass olimpico che coinvolge anche i big del nostro nuoto, e ieri, alla prima giornata, è arrivato già per Sara Franceschi nei 400 misti. La 21enne livornese vola nei 400 misti in 4’37”06 sotto il limite richiesto per le Olimpiadi e abbassando di quasi tre secondi il primato personale; alle sue spalle la vice campionessa europea in carica Ilaria Cusinato e...

C’è soprattutto Tokyo nei sogni di chi scende in vasca agli Assoluti di Nuoto di Riccione. E’ una caccia al pass olimpico che coinvolge anche i big del nostro nuoto, e ieri, alla prima giornata, è arrivato già per Sara Franceschi nei 400 misti. La 21enne livornese vola nei 400 misti in 4’37”06 sotto il limite richiesto per le Olimpiadi e abbassando di quasi tre secondi il primato personale; alle sue spalle la vice campionessa europea in carica Ilaria Cusinato e Carlotta Toni.

Nei 200 dorso Margherita Panziera tira fuori il colpo della fuoriclasse. La 25enne di Montebelluna nuota in 2’05”56 record italiano che ritocca il 2’05”72 da lei griffato sempre a Riccione nel 2019: un crono che vale la seconda prestazione continentale di sempre, sesta mondiale. A farle compagnia sul podio due giovanissime di belle speranze: la pugliese Erika Francesca Gaetani e la romana Martina Cenci.

La finale dei 400 stile maschile è di altissimo livello. In tre nuotano sotto il tempo limite per gli Europei di Budapest (3’48”8). Vince Gabriele Detti che tocca in 3’44”65. Alle spalle del 27enne livornese di soli 9 centesimi Marco De Tullio, suo compagno di allenamenti, e Matteo Ciampi. Spettacolo anche nella gara femminile con Simona Quadarella che batte un’ottima Martina Rita Caramignoli. La regina del mezzofondo europeo tocca in 4’06”49. Terza è la veneta Giulia Salin.

Il pomeriggio di ieri si era aperto a tutta velocità con i 50 stile libero. Il colpo d’autore porta la firma di Lorenzo Zazzeri che si prende il titolo in 21”89; alle sue spalle il ligure Leonardo Deplano e Alessandro Bori terzo. Nella prova femminile si impone un talento cristallino dell’Italnuoto: Costanza Cocconcelli. La 19enne di Bologna tocca con il personale in 25”04 precedendo di tre centesimi la vincitrice di tutto Federica Pellegrini seconda in 25”07, tempo che vale comunque alla 33enne di Spinea il pass per gli Europei di Budapest.

Nei 400 misti tra i maschi vince Pier Andrea Matteazzi in 4’15”80; con lui sul podio Pietro Paolo Sarpe e l’evergreen Federico Turrini. Nei 200 rana, infine, è l’esperienza di Edoardo Giorgetti a fare la differenza vincendo in 2’10”93; alle sue spalle Andrea Castello e Alessandro Fusco.

Oggi si torna in vasca. E c’è Gregorio Paltrinieri, negli 800 stile. Parte la grande missione di Greg verso Tokyo, con la sfida di voler stupire anche nelle acque libere.