Sport
"Io ho sempre sostenuto una tesi, visto che manca un anno al voto e otto alle Olimpiadi: cercate di rimanere uniti, compatti, poi una volta che parte la nave e vinciamo la candidatura, chissà quante altre cose possono modificarsi, ma non litighiamo adesso. Perché invece è accaduto? Non credo di dire una cosa sconosciuta all'opinione pubblica, credo ci sia di mezzo la politica a tutti i livelli: locale, regionale, nazionale. Questo è poco ma sicuro". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commentando l'attuale situazione che si è venuta a creare attorno alla candidatura dell'Italia per i Giochi del 2026. "Negli ultimi 50 anni - ha aggiunto - tutto il mondo sportivo che conta ha avuto una parte in causa nelle vicende olimpiche o perché ha ottenuto l'assegnazione dei Giochi o perché si è candidato. Noi siamo gli unici che negli ultimi tempi, malgrado intenzione, presupposti e consentitemi di dire anche una fortissima credibilità internazionale sul comitato olimpico, non riusciamo neanche a partire".
Sport Tech Benessere Moda Magazine