Roma, 7 luglio 2021 - Addio a Carlos Reutemann, pilota di Formula 1 nei leggendari anni '70, in Ferrari fu compagno di squadra di Niki Lauda e Gilles Villeneuve. "Papà è partito in pace e dignità dopo aver combattuto come un campione con un cuore forte e nobile che lo ha accompagnato fino alla fine". Aveva 79 anni Carlos Reutemann, ex pilota argentino e uomo politico. Malato da tempo, a dare la notizia della sua morte è stata la figlia Cora Reutemann, su Twitter. A maggio era stato dichiarato fuori pericolo dopo un ricovero per una emorragia intestinale mentre ora un peggioramento lo ha portato alla morte. Cora si è detta "orgogliosa" per il padre che ha avuto, "mi accompagnerà ogni giorno della mia vita fino a quando non ci incontreremo di nuovo nella casa del Signore".

Reutemann, nato a Santa Fe il 12 aprile 1942, soprannominato 'Lole' e molto stimato da Enzo Ferrari che lo considerava un "pilota tormentato e tormentoso", fece il suo debutto in F1 nel 1972 con la Brabham nel Gp d'Argentina, in cui ottenne una pole e un settimo posto finale. Con la Brabham corse fino al 1976, prima di passare alla Ferrari proprio a fine stagione per sostituire Niki Lauda, anche se poi prese il posto di Clay Regazzoni. L'anno dopo proprio Reutemann avrebbe dovuto essere il pilota principale, ma dopo un buon inizio, il Mondiale andò a Lauda. Nel 1978, nel secondo anno in Ferrari, come compagno di squadra si trovò un giovane promettente, Gilles Villeneuve: il mondiale, questa volta, andò a Mario Andretti sulla Lotus.  

L'anno successivo, nel 1979, decise allora di lasciare Maranello per passare alla Lotus. Ma fu un trasferimento breve: nel 1980, infatti, firmò per la Williams con cui vinse il Gp di Monaco. Nel 1981 ottenne il miglior risultato della sua carriera, concludendo al secondo posto finale, alle spalle di Nelson Piquet, vincitore del titolo mondiale per appena una lunghezza. Nel 1982, infine, dopo aver disputato i primi due GP, decise di ritirarsi dalla F1. Alla fine per lui saranno in tutto 146 i Gp in cui è sceso in pista, con 12 vittorie e 6 pole position. In Argentina ha avuto anche una carriera politica come militante del partito di centro-sinistra Fronte per la Vittoria.