Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
29 mag 2022

Gp di Monaco, le pagelle di Leo Turrini

Nove a Leclerc, zero a Binotto. Tutti i voti della folle gara di Montecarlo

29 mag 2022
Swiss-born Italian engineer and team principal of Ferrari, Mattia Binotto seen in the pits during the second practice session at the Monaco street circuit in Monaco, ahead of the Monaco Formula 1 Grand Prix, on May 27, 2022. (Photo by ANDREJ ISAKOVIC / AFP)
Mattia Binotto (Ansa)
Swiss-born Italian engineer and team principal of Ferrari, Mattia Binotto seen in the pits during the second practice session at the Monaco street circuit in Monaco, ahead of the Monaco Formula 1 Grand Prix, on May 27, 2022. (Photo by ANDREJ ISAKOVIC / AFP)
Mattia Binotto (Ansa)

Le pagelle di Leo Turrini del Gp di Monaco. 10 PEREZ. Fa la mossa giusta e capitalizza l’investimento. Conquista una vittoria insperata e alla fine se la merita pure. Non è solo un gregario. 9 LECLERC. Povero diavolo. Nemo propheta in patria, davvero. Carletto viene tradito dalla scellerata gestione del muretto Rosso, nemmeno sale sul podio e di colpe lui proprio non ne ha. Peccato. 8 ALONSO. Il vecchio leone ruggisce ancora. La Alpine Renault non è un granché, ma l’ultraquarantenne tiene botta alla grande, inventando un duello rusticano con il vecchio nemico Hamilton. Bravo. 8 VERSTAPPEN. Il miracolato della domenica. Nel senso che senza colpo ferire arriva davanti a Leclerc e consolida il vantaggio nella graduatoria iridata. Talvolta la fortuna aiuta chi non ne avrebbe bisogno. 7 NORRIS. Firma il giro più veloce e non è poco con la McLaren che ha in mano. Tra i drivers dell’ultima generazione è tra i più tosti. Meriterebbe una macchina più competitiva. 7 RUSSELL. Giù il cappello. La Mercedes non è quella del passato e se ne sono accorti tutti. Ma il ragazzo c’è sempre, non ha commesso errori, va a punti in qualunque contesto. Un giorno vincerà il mondiale. 6 HAMILTON. Possiamo ancora considerarla una coincidenza? Per un’altra volta finisce dietro Russell, ormai sta diventando una consuetudine. Spiacevole, per uno che ha vinto sette titoli mondiali. 5 SAINZ. Aveva ragione lui sulla scelta di non fermarsi per le intermedie, ma con tutto il rispetto dovrebbe capire che è suo dovere aiutare Leclerc, non complicargli la vita. Prima ci arriva, meglio è. 0 BINOTTO. Meriterebbe un dieci per la qualità della macchina. Ma ai box è mancata la lucidità nel momento decisivo, la doppia sosta di Leclerc grida vendetta. E un mondiale lo conquisti solo se curi anche i dettagli. 0 LATIFI. Una ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?