Suzuka, 11 ottobre 2019 - Il tifone Hagibis stravolge il programma del Gp del Giappone di  Formula 1. L'arrivo del maltempo rivoluziona gli orari: saltano le qualifiche del sabato, la lotta per la pole position viene rinviata a domenica mattina alle 3.00 ora italiana (10 ora locale), mentre la gara resta confermata alle 7.10 italiane (14.10 locali) per quella che si preannuncia una giornata intensa e inedita. Non totalmente, perché anche nel 2004 e nel 2010 le bizze della natura costrinsero gli organizzatori a rivedere la tabella di marcia. E, anche in tali occasioni, a essere rinviate furono le prove ufficiali.

F1, i nuovi orari del Gp del Giappone (Sky e Tv8)

L'annuncio è stato dato dalla Fia, federazione internazionale, questa mattina.  "La Fia e la Formula 1 supportano questa decisione nell'interesse della sicurezza degli spettatori, dei piloti e di tutti al circuito di Suzuka", si legge in una nota congiunta. Se le piogge che la tempesta porterà con sé dovessero protrarsi fino a domenica mattina (cosa al momento esclusa) e se questo dovesse portare all'annullamento delle qualifiche, la griglia di partenza sarà decisa in base ai tempi della seconda sessione di prove libere.

false

Prove libere 

Sarebbe quindi Valtteri Bottas a partire in pole, nella malaugurata ipotesi in cui le qualifiche dovessero essere cancellate. Dopo aver concluso davanti la prima sessione, il finlandese della Mercedes ha infatti fatto segnare il miglior tempo anche nelle prove libere 2. Bottas ha girato in 1'27"785 davanti al compagno di squadra Lewis Hamilton (1'27"885) e alla Red Bull di Max Verstappen (1'28"066). Quarto tempo per la Ferrari di Charles Leclerc (1'28"141) che ha preceduto l'altra Rossa di Sebastian Vettel (1'28"376). Nella sessione mattutina, Bottas aveva messo in fila Hamilton e le Ferrari, con Vettel lontanissimo a 0"989 dal finlandese e Leclerc, quarto, addirittura a 1"181.

Risultati e tempi

RIVIVI LE LIBERE 2 IN DIRETTA

Rugby, Italia-Nuova Zelanda rinviata

A causa del tifone Hagibis erano già state rinviate due partite della coppa del mondo di Rugby previste per sabato, tra cui l'attesa Italia-Nuova Zelanda. Si valuta se cancellare gli altri quattro match previsti per domenica.