Niki Lauda (Ansa)
Niki Lauda (Ansa)

Vienna, 6 gennaio 2019 - Ancora ore di apprensione per Niki Lauda, di nuovo ricoverato in ospedale nel reparto di terapia intensiva. Secondo il "Kron", l'ex pilota austriaco è stato ricoverato all'AKH di Vienna per colpa di un'influenza che lo ha colpito durante le vacanze di Natale nella sua casa di Ibiza. Il suo sistema immunitario è ancora debole per il trapianto di polmone a cui è stato sottoposto nei mesi scorsi e così Lauda - che il prossimo 22 febbraio spegnerà 70 candeline - è stato portato in ospedale. Poche settimane fa, l'ex pilota della Ferrari si era detto ottimista sul suo processo di recupero, al punto da vedersi di nuovo ai box per seguire le gare dal vivo già nella prossima stagione.

Il ricovero di Lauda risalirebbe ai giorni scorsi ma dall'AKH hanno fatto sapere al quotidiano "Orf" che l'ex pilota dovrebbe essere dimesso già la prossima settimana. Lauda era stato operato d'urgenza il 2 agosto scorso a seguito delle complicazioni legate a un'infezione polmonare e aveva lasciato l'ospedale a fine ottobre.

Il pilota austriaco è una leggenda nella Formula Uno. Per tre volte è stato campione del mondo (Due con la Ferrari, nel 1975 e 1977, e una con la McLaren nel 1984). Lauda è famoso per il terribile incidente di cui fu protagonista al Nurburgring, nel 1976. Perse il controllo della vettura e finì contro una roccia, perdendo il casco nell'impatto. La sua monoposto prese quindi fuoco, lasciandolo sfigurato. Niki ha sempre ironizzato sulle sue ustioni, affermando che a un bel viso preferiva il fondoschiena. Perché, diceva, una macchina si guida soprattutto "con il sedere". Nella sua lunga carriera ha disputato 177 Gran Premi, vincendone 25 e finendo sul podio in 54 occasioni. Lauda nel 2012 è stato nominato presidente onorario della Mercedes, incarico che gli è stato confermato fino al 2020.