Mick Schumacher
Mick Schumacher

Sakhir (Bahrein), 6 dicembre 2020 - A pochi giorni dall'ufficialità del suo approdo in Formula 1 nella prossima stagione, Mick Schumacher si toglie la soddisfazione di laurearsi campione del mondo in Formula 2. Ma che brivido per il tedesco, che si presentava all'ultimo appuntamento di Sakhir con ben 14 punti di vantaggio sul rivale per il titolo Callum Ilott. Sembrava una passeggiata, anche perché il classe '99 partiva in prima fila, e invece il futuro pilota della Haas ha dovuto sudare freddo fino all'ultimo. Colpa del danneggiamento alla gomma anteriore destra, dovuta a una brusca frenata. Schumacher è stato costretto perfino al rientro ai box. Ormai fuori dalla zona punti, il figlio di Michael però non si è visto beffare da Ilott, che ha chiuso solo al 10° posto nella gara vinta da Jehan Daruvala

Secondo titolo in carriera

E così, pur da 18° sul traguardo, il tedesco ha potuto festeggiare e iscrivere il suo nome nell’albo d’oro della categoria, succedendo a Charles Leclerc, George Russell e Nyck De Vries. Per il pilota della Prema si tratta del secondo titolo importante della propria carriera dopo quello di campione di F3 centrato nel 2018.

"Vincere così è stato difficile, sono stato aggressivo in frenata e ho compromesso la gomma - le parole di Schumacher - Ilott aveva un ottimo ritmo, ho cercato di mantenere il mio, ma era impossibile, ho avuto paura a rientrare, ma abbiamo deciso di farlo ed è andata bene. Sono emozionato, ci vorrà qualche giorno per realizzare che sono campione, sono orgoglioso di aver corso con questo team da cui ho imparato molto. Ho sempre spinto, migliorandomi con la squadra e questo è stato il motivo per cui abbiamo vinto”. 

Leggi anche - Il Gp di Sakhir in diretta