Lewis Hamilton e Vettel sul podio in Ungheria (Ansa)
Lewis Hamilton e Vettel sul podio in Ungheria (Ansa)

Budapest, 4 agosto 2019 - Si sperava in una svolta per la Formula 1 2019. Ma Il Gp d'Ungheria (rivivi qui il live) ha confermato quello che il Mondiale ha detto finora: la Mercedes e Lewis Hamilton sono i più forti, anche di un super Max Verstappen. E le Ferrari arrancano. Quello di oggi è stato un autentico capolavoro degli ingegneri tedeschi: in una pista dove superare è un'impresa, hanno cambiato strategia in corso e fatto rientrare Hamilton ai box, quando era secondo e attaccato alle code di Verstappen e mancavano meno di 20 giri alla bandiera a scacchi. Lewis non riusciva a superare l'olandese della Red Bull, in Mercedes hanno giocato d'anticipo, contando sul fatto che l'avversario avrebbe avuto problemi sul finale. Sembrava follia: negli ultimi 6 giri, Verstappen ha letteralmente bruciato le gomme ("Sono morte", ha detto ai box) e a 4 tornate dal termine si è fatto superare da Hamilton, autore di una spettacolare rimonta. E così il Re Nero ha vinto un altro Gran Premio (siamo a 81) e messo un'ipoteca enorme sulla classifica piloti. Le Ferrari hanno sofferto, beneficiando del contatto Bottas-Leclerc in partenza, che ha costretto il finlandese a cambiare l'ala anteriore, relegandolo nelle retrovie. E così hanno avuto vita facile per il podio. Ma sono arrivate a circa un minuto da Hamilton. Vettel ha soffiato il terzo posto a Leclerc proprio negli ultimi giri, con un bel sorprasso. Anche il monegasco aveva 'finito' gli pneumatici. Nel giorno del primo successo in Formula 2 di Mick Schumacher, i vecchi leoni danno una severa lezione alle giovani stelle del circus. Per il ricambio generazionale bisognerà aspettare ancora un po'.

Formula 1 Ungheria, le pagelle di Leo Turrini

Gp Ungheria 2019, l'ordine d'arrivo

1 Lewis Hamilton (Ing/Mercedes) 1h35m03.796s
2 Max Verstappen (Ola/Red Bull Racing) a 17.796s
3 Sebastian Vettel (Ger/Ferrari) 1m01.433s
4 Charles Leclerc (Mon/Ferrari) 1m05.250s
5 Carlos Sainz Jr. (Spa/McLaren) 1 giro
6 Pierre Gasly (Fra/Red Bull Racing) 1 giro
7 Kimi Raikkonen (Fin/Alfa Romeo Racing) 1 giro
8 Valtteri Bottas (Fin/Mercedes) 1 giro
9 Lando Norris (Ing/McLaren) 1 giro
10 Alexander Albon (Tai/Toro Rosso) 1 giro
11 Sergio Perez (Mes/Racing Point) 1 giro
12 Nico Hulkenberg (Ger/Renault) 1 giro
13 Kevin Magnussen (Dan/Haas) 1 giro
14 Daniel Ricciardo (Aus/Renault) 1 giro 15
Daniil Kvyat (Rus/Toro Rosso) 2 giri
16 George Russell (Ing/Williams) 2 giri
17 Lance Stroll (Can/Racing Point) 2 giri
18 Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo Racing) 2 giri
19 Robert Kubica (Pol/Williams) 3 giri

- Romain Grosjean (Fra/Haas) ritirato

La classifica di F1 

Hamilton blinda la classifica mondiale, grazie anche ai problemi di Bottas che chiude ottavo. Il britannico sale a 250 punti, portandosi a +62 sul compagno di squadra. Terzo Verstappen, con 181 punti, a 69 punti dal britannico. La Formula 1 va adesso in pausa per quattro settimane: il prossimo appuntamento è in programma in Belgio, nel weekend del 31 agosto/1 settembre.

LE VOCI DEI PROTAGONISTI

"Sono stanco ma anche molto grato per questa giornata - dice un euforico Lewis Hamilton -. Per il team, per il lavoro che ha fatto e che continua a fare, per come abbiamo spinto fino al limite, prendendoci dei rischi e provando a cogliere ogni opportunità. Stiamo insieme da sette anni ma non è mai scontato ed è sempre qualcosa di nuovo quando vinci una gara", aggiunge.

Il britannico ringrazia la Mercedes. "Sono grato di esser parte di tutto ciò, in una gara poter spingere così tanto è un divertimento incredibile. E spiega: "Abbiamo avuto un problema coi freni per tutto il weekend, ho cercato di risparmiarli per poi avere una opportunità alla fine". Quindi ammette: "E' stato difficile, questo circuito permette di difendersi, sono stati giri di qualifica per me. Giù il cappello verso il team, credo che se fosse qui oggi anche Niki (Lauda, ndr) se lo toglierebbe".

Festa grande in casa Mercedes, anche se il team principal Tito Wolff apre un 'caso' Bottas. "Abbiamo una decisione difficile da prendere, nello scegliere tra Esteban o Valtteri. Torneremo a casa e confronteremo tutti i dati e ci sarà una discussione all'interno della squadra". Così Wolff annuncia che Ocon potrebbe prendere il posto del finlandese accanto ad Hamilton nella prossima stagione. "Esteban merita una possibilità ma c'è anche pressione, può essere difficile per lui contro Hamilton, per questo sarà una scelta complicata. Sarà una estate turbolenta", rivela. 

Non recrimina Max Verstappen.  "Semplicemente non siamo stati abbastanza veloci, le ho provate tutte ma non e' stato sufficiente: complimenti a Lewis Hamilton", dice l'olandese della Red Bull. "Il secondo posto è comunque buono - aggiunge - : èstato un weekend postitivo, Hamilton mi ha spinto al limite ma ci mancava un po' di grip, abbiamo provato la gara ad un sosta, ma ha funzionato la loro strategia".

Soddisfatto del piazzamento, ma non certo delle risposte della sua Ferrari, Sebastian Vettel. "Sicuramente ero lì al quarto posto e non avevo nulla da perdere - spiega -. Abbiamo fatto un stint molto lungo e poi speravamo che le soft durassero fino alla fine ed è successo". Quindi racconta come è arrivato questo podio. "Era la gomma più veloce, siamo riusciti a chiudere il divario, c'è stata un'opportunità e io l'ho colta e sono contento quantomeno di prendere questo contentino". E ammette: "E' chiaro che non avevamo il passo tutto il weekend. I ragazzi dovranno lavorare tanto. Dovremo ricaricare le batterie ora e poi continuare con la battaglia. Ci saranno piste dove andremo meglio, però nel complesso dobbiamo sicuramente diventare più forti". Spa e Monza da favoriti? "Non so cosa faranno gli altri con gli aggiornamenti sul motore, sulla carta sembrano migliori per noi ma vedremo. Abbiamo margini sulla nostra macchina e come detto sarà una cosa impegnativa per noi. Nessuno potrà riposare anche a livello mentale in queste due settimane. Speriamo di portare nuove idee per la seconda metà di stagione".

La classifica costruttori

Live tweet

Giro 70 - Giro veloce di Verstappen, ma il Gp è di Hamilton

Giro 69 - Vettel supera Leclerc ed è terzo. Le Ferrari a oltre un minuto dalle Mercedes.

Giro 68 - Verstappen ai box, molla le aspirazioni di vittoria e punta al giro veloce.

Giro 67 - Hamilton supera Verstappen ed è in testa al Gran Premio.

Giro 67 - Hamilton pronto ad attaccare Verstappen

Giro 66 - Hamilton a 1 secondo da Verstappen

Giro 65 - Verstappen: "Le gomme sono morte"

Giro 64 - Hamilton a meno di 6 secondi da Verstappen

Giro 62 - Ci sono due sfide emozionanti: Hamilton è sceso a 9 secondi da Verstappen, Vettel a meno di 6 secondi da Leclerc. 

Giro 60 - Hamilton inanella giri record su giri record: è a meno di 12 secondi da Verstappen

Giro 59 - Hamilton scende sotto l'1'19" e lima un altro secondo a Verstappen. Dietro Vettel rimonta su Leclerc: è a meno di 10 secondi dal compagno di squadra. 

Giro 57 - Nuovo giro veloce di Hamilton: 1'19"174. Il Re Nero è a circa 14 secondi dall'olandese

Giro 56 - Hamilton nel traffico, non riesce più a limare secondi su Verstappen che mantiene poco più di 15 secondi sul britannico. Vettel si avvicina a Leclerc

Giro 53 - Hamilton riduce il distacco da Verstappen a 16 secondi

Giro 51 - Giro veloce per Hamilton che scende a 18 secondi da Verstappen. Leclerc, terzo, ha 16 secondi di margine su Vettel. Ritiro per Grosjean

Giro 49 - Hamilton ai box a sorpresa, scelta tattica della Mercedes: Lewis ha fatto due soste in 15 giri. Probabilmente l'obiettivo è quello di strappare il giro veloce, ma il team ritiene anche che la gomma di Verstappen crollerà di prestazione negli ultimi giri. Bottas intanto lotta per la decima posizione.

Giro 48 - Bottas ai box

Giro 45 - Verstappen e Hamilton, staccati di poco più di un secondo, stanno per doppiare Bottas.

Giro 42 - L'olandese della Red Bull ha messo di nuovo 2 secondi tra lui e il britannico della Mercedes che si lamenta coi box dei freni. 

Giro 41 - Verstappen risponde a Hamilton: giro veloce in 1'19"8

Giro 40 - Vettel ai box: rientra con gomma rossa e in quarta posizione dietro Leclerc. Problema all'anteriore destra durante la sosta, il tedesco perde qualche secondo.

Giro 39 - Hamilton attacca Verstappen non molla, il britannico finisce fuori pista di qualche metro e rientra

Giro 36 - Hamilton si fa vedere negli specchietti di Verstappen

Giro 35 - Hamilton è una furia e ora è a meno di un secondo da Verstappen.

Giro 33 - Anche Bottas ai box, rientra in 11esima posizione. Hamilton vola: giro veloce, sotto 1'20" e lima due secondi a Verstappen

Giro 32 - Hamilton ai box, rientra in seconda posizione a circa sei secondi da Verstappen. Ha effettuato il pit stop sei giri dopo l'olandese, potrebbe avere gomme più 'fresche' nel finale

Giro 30 - Hamilton ritarda ancora il pit stop, sta perdendo su Verstappen senza crollare. Neanche Vettel rientra. Potrebbero azzardare la strategia di una sola sosta ai box

Giro 28 - Leclerc ai box, pit stop perfetto. Giro veloce di Verstappen che ora sta guadagnando su Hamilton

Giro 27 - Hamilton guida e ancora non rientra ai box: sta cercando di guadagnare i decimi che gli possono consentire di tenere dietro Verstappen. Giro lento di Leclerc che ha ora solo un secondo da Vettel

Giro 26 - Fuori i meccanici Red Bull: Verstappen entra ai box e torna in pista davanti a Leclerc, si attende il pit stop di Hamilton

 

Giro 23 - Leclerc è a oltre 17 secondi da Hamilton e mantiene un vantaggio di poco meno di 3 secondi su Vettel. Bottas è risalito in 13esima posizione

Giro 21 - Hamilton a 1"2 da Verstappen. Si avvicina il primo pit stop

Giro 18 - Hamilton lima il divario con Verstappen: siamo a circa 1"7. Tre secondi tra Leclerc e Vettel. Duello per la 12esima posizione tra Albon e Kvyat, il russo si difende. 

Riguardando le immagini, pare che il contatto che ha danneggiato l'ala di Bottas sia stato quello con Charles Leclerc

- Giro 13 - Posizioni che sembrano delineate: la lotta per la vittoria è al momento questione tra Verstappen e Hamilton, staccati di due secondi. Poi Leclerc a 12 secondi e Vettel a 14. Quindi Sainz, Norris, Raikkonen e Gasly. Solo diciottesimo Bottas

- Giro 8 - Verstappen e Hamilton staccati sempre di 2 secondi, fanno segnare a turno giri veloci. Leclerc a 9 secondi dall'olandese, Vettel a 11. Bottas 20esimo a 49 secondi dalla testa

Bottas cambia ala

IL CONTATTO HAMILTON-BOTTAS

Giro 6 - Bottas ai box, cambia l'ala e rientra in ultima posizione

- Bottas ancora non rientra, ma continua a perdere secondi su Vettel. Verstappen ha ora un margine di circa due secondi su Hamilton, le due Ferrari, terza e quarta, sono a oltre 5 secondi

- Fuori i meccanici Mercedes, Bottas ha probabilmente danneggiato l'ala in un contatto con Leclerc o Hamilton durante la battaglia per la seconda posizione in partenza. 

- Problemi per Bottas che si fa infilare anche da Vettel. 

- Buona partenza di Verstappen, duello tra le Mercedes con Leclerc che ne approfitta e infila Bottas. Dopo il primo giro: Verstappen, Hamilton, Leclerc, Bottas e Vettel.

- Giro di formazione

- Tutto pronto a Budapest per il Gran Premio d'Ungheria 2019

Formula 1, gli orari tv del Gp d'Ungheria 2019 (diretta Sky e differita Tv8)

Mick Scumacher, prima vittoria in Formula 2

falsePer Maranello oggi è comunque una giornata da ricordare: Mick Schumacher, figlio del sette volte campione del mondo di F1, ha centrato la prima vittoria in Formula 2. Sul circuito di Hungaroring, il 20enne tedesco ha fatto sua laseconda corsa del fine settimana, quella in cui le posizioni della griglia di partenza sono al contrario rispetto al risultati della vigilia. Dopo aver controllato in uscita l'assalto del giapponese, Nobuharu Matsushita, Schumi Jr ha comandato la gara senza patemi per tutti i 28 giri del circuito. Il tutto sotto gli occhi di mamma Corinna, emozionata e chiaramente euforica per il successo del figlio. Mick Schumacher (Ansa)

 

Gp d'Ungheria, rivivi la diretta di F1

Tutti i risultati di sport