Budapest, 26 luglio 2018 - Formula 1 al giro di boa con il Gp di Ungheria 2018, tappa numero 12 del Mondiale che precede la pausa di metà stagione. Un appuntamento più che mai difficile per la Ferrari che ha appena perso il suo presidente, Sergio Marchionne, e che si trova a cercare il riscatto dopo il flop di domenica scorsa in un clima di lutto. Per Sebastian Vettel, finito incredibilmente contro le barriere a Hockenheim, ci sono 17 punti da recuperare su Hamilton: farcela si può, a patto di non lasciarsi andare al rimpianto di aver buttato alle ortiche una grossa chance per trovarsi soli al comando - e con un bel vantaggio - in classifica. Darà filo da torcere il britannico, su di giri dopo essere riuscito nell'ennesima impresa: vincere un gp partendo dalla posizione numero 14 della griglia. Ma l'Hungaroring, pista "molto impegnativa", a detta dello stesso Seb, può riservare sorprese per tutti. Intanto ecco qui di seguito il programma del weekend con gli orari tv per seguire tutti gli eventi. Al solito, tutte le dirette sono trasmesse da Sky Sport F1 HD (canale 207), mentre su Tv8 (canale 8 del digitale), sono disponibili le differite delle qualifiche e della gara.

ORARI TV

Venerdì 27 luglio

Ore 11 - Prove libere 1 (diretta Sky Sport F1 HD)
Ore 15 - Prove libere 2  (diretta Sky Sport F1 HD)

Sabato 28 luglio

Ore 12 - Prove libere 3 (diretta Sky Sport F1 HD)
Ore 15 - Qualifiche  (diretta Sky Sport F1 HD, differita su Tv8 alle 20)

Domenica 19 luglio

Ore 15.10 - Gara (diretta Sky Sport F1 HD, differita su Tv8 alle 21.15)

Classifica piloti 

Classifica costruttori 

Mick Schumacher, prima vittoria in Euro Formula 3 a Spa

IL PUNTO - Sfida spartiacque in Ungheria dopo il vero e proprio ribaltone che si è compiuto una settimana fa in Germania. A Hockenheim Hamilton si è ripreso la vetta della classifica, soffiandola a Vettel proprio quando il tedesco sembrava avere il vento in poppa: pole position, e il principale rivale finito 14esimo in griglia. Impossibile non approfittarne per la Ferrari. E invece un clamoroso errore negli ultimi giri ha costretto Vettel a uscire di scena, perdendo punti preziosissimi  per la lotta al titolo. Soprattutto perché nel frattempo il britannico risaliva incredibilmente di posizione in posizione, tagliando per primo il traguardo. Tutto da rifare dunque per il Cavallino, costretto di nuovo a rincorrere. Il circuito, uno dei più lenti e tortuosi del Mondiale (14 curve in 4381 metri), non consente solitamente grandi colpi di scena in gara. Per trovare il record della pista bisogna addirittura risalire a 14 anni fa, con Michael Schumacher. Più che mai sarà fondamentale quindi il posizionamento in qualifica.