Max Verstappen (Ansa)
Max Verstappen (Ansa)

Città del Messico, 7 novembre 2021 - Max Verstappen, su Red Bull, vince il Gran Premio del Messico, round 18 su 22 di questa stagione in Formula 1, e aumenta il suo vantaggio nel campionato del mondo sul britannico Lewis Hamilton (Mercedes), arrivato secondo. Il messicano Sergio Perez (Red Bull) ha conquistato il terzo posto, davanti al francese Pierre Gasly (AlphaTauri) e al ferrarista Leclerc, sul circuito di Città del Messico. 

Le pagelle di Leo Turrini

Verstappen 10

Fa tutto alla perfezione. Al via sfrutta l’autogol Mercedes e poi domina la corsa con stupefacente disinvoltura. Mondiale più vicino.

Gasly 9

Non dimentichiamo mai che guida la ex Minardi. È il meno lontano dalle due Red Bull e dalla Mercedes di Hamilton.

Vettel 8

Colpo di coda del quattro volte campione del mondo. Sfrutta le penalizzazioni altrui e regala alla Aston Martin un inaspettato piazzamento. Bravo.

Raikkonen 8

Il quasi pensionato inventa una gara vecchio stile. Gestisce bene le gomme e porta a punti la modesta Alfa Romeo.

Hamilton 7

Capisce in fretta l’antifona. Dopo due curve la speranza di riscatto è già finita. Si adatta, salva il secondo posto ma ora sta sotto di diciannove punti.

Sainz 6

È dignitoso e fa meglio di Leclerc anche se deve cedergli la posizione e non ha mai la possibilità di inserirsi tra i protagonisti.

Perez 6

Correva in casa, guida la Red Bull, doveva mettersi davanti ad Hamilton. Ci ha provato, ma non ci è riuscito. Incompiuto.

Leclerc 6

La partenza è buona, ma altro non riesce ad estrarre dalla macchina e vince solo a tavolino il duello con il compagno di squadra.

Bottas 0

Quello che fa (anzi, non fa) in partenza è incomprensibile. Non aiuta Hamilton. Non ostacola Verstappen. Maggiordomo infedele.

Schumacher ng

La gara del figlio d’arte finisce subito e non per colpa sua. In questa stagione Mick deve solo imparare: per lui sarà decisivo ok 2022.