Charles Leclerc, contato con Verstappen e musetto danneggiato (Ansa)
Charles Leclerc, contato con Verstappen e musetto danneggiato (Ansa)

Suzuka, 13 ottobre 2019 - Valtteri Bottas, su Mercedes, vince il Gran premio del Giappone, 17esima prova del mondiale di Formula 1. Il finlandese precede Sebastian Vettel su Ferrari, che era partito dalla pole, e il compagno di squadra Lewis Hamilton. La Mercedes conquista il sesto campionato mondiale costruttori consecutivo. 

A Suzuka succede di tutto alla partenza: sospetto falso start per il tedesco della Ferrari. Prima sotto investigazione e poi graziato. Charles Leclerc disastro: contatto con Max Verstappen, e ripartenza dalla 20esima posizione. Il monegasco alla fine è sesto, dopo una bella rimonta. Ma Leclerc, in seguito, è stato retrocesso settimo: penalizzato di 15 secondi (due penalità di tempo: 5 secondi di penalizzazione e 2 punti sulla Superlicenza per il contatto con Max Verstappen in curva 1 nel primo giro, e altri 10 secondi per aver completato un giro in condizioni critiche con l'ala danneggiata dopo l'incidente. Inoltre la Ferrari è stata multata di 25.000 dollari). Oggi qualifiche e corsa nello stesso giorno a causa del passaggio del super tifone Hagibis

Bottas conquista così la terza vittoria stagionale. Quarto Alex Albon con la Red Bull. Quinto Carlos Sainz jr, su una McLaren sempre più veloce. Con la penalizzazione di Leclerc cambia in parte l'ordine di arrivo: Daniel Ricciardo, settimo su Renault diventa sesto. Settimo quindi il monegasco, e di seguito: Pierre Gasly, ottavo su Toro Rosso, Nick Hulkenberg, nono su Renault. Decimo è Lance Stroll con la Racin Point.

Vettel riscatta la lenta partenza con un'ottima gara, riuscendo a impedire l'ennesima doppietta Mercedes, tenendo dietro Hamilton gli ultimi giri e costringendolo alla terza posizione. Il pilota britannico aveva fatto il giro veloce e stabilito il record della pista, che resisteva dal 2005. Per Hamilton in Messico ci sarà il primo match point per vincere il Mondiale piloti.

Classifica piloti: Hamilton a 338 punti, seguito da Bottas con 274, Leclerc 221 (due in meno perchè retrocesso settimo a Suzuka). Vettel e Verstappen con 212 punti.

Classifica costruttori alla Mercedes, Wolf: "Vogliamo dedicare il titolo a Niki (Lauda ndr), è stato una parte davvero importante sin dall'inizio del nostro viaggio e la sua presenza è sempre stata importante. Era una persona molto speciale".

PROFONDO ROSSO Mia zia parte meglio di Vettel e Leclerc - di Leo Turrini

LE PAGELLE Dieci a Toto Wolf: sei titoli costruttori - di Leo Turrini

Follia Ferrari in partenza

Orari F1, dirette e differtite del Giappone

F1 live, la gara di Suzuka: rivivi la diretta 

COSA HANNO DETTO

VETTEL - Sebastian Vettel si rammarica per il suo errore in partenza, e spiega il deludente secondo posto di Suzuka dopo la splendida pole: "Le luci sono rimaste accese tanto tempo, io ho perso l'attimo giusto e ho fatto una pessima partenza. Poi è stata dura perché le Mercedes avevano un passo migliore del nostro. Valtteri volava e sapevo che anche Lewis mi avrebbe raggiunto alla fine. Io ho cercato di contenerlo dove sapevo che poteva attaccare e ce l'ho fatta. Anche senza errore comunque non so se saremmo riusciti a lottare per la vittoria, avevamo più degrado di loro". 

BOTTAS - "Sono molto felice. Eravamo abbastanza vicini in qualifica, partire dal terzo posto non è mai semplice. Non ho mollato, sarebbe stato assurdo farlo, sapevo che tutto era possibile". Valtteri Bottas esulta per la vittoria. "Oggi c'è stata l'opportunità e l'abbiamo colta alla partenza. Sono partito molto bene e sono riuscito a passare Sebastian, poi il passo è stato ottimo e sono riuscito a controllare la gara", ha spiegato il finlandese della Mercedes. "Mi sono divertito, mi sono goduto la gara. Il rientro ai box? Sapevamo che non c'era molta differenza tra una o due soste, entrambi gli scenari erano aperti, poi tutto è andato liscio. Ho controllato quando potevo e spinto quando volevo. La vittoria del sesto titolo costruttori? Sono fiero di far parte di questo team, è qualcosa di impressionante, li ringrazio".

WOLF - Con lui sono arrivati in Mercedes sei titoli costruttori consecutivi, Toto Wolf commenta: "Vincere la gara? Non ci speravo perchè ci mancava la velocità su giro e qui è complicato superare. Ma sono molto felice, perchè in questi momenti difficili la squadra reagisce". E' felice Toto Wolf, team principal dele Frecce d'argento: grazie al doppio piazzamento è ancora titolo costruttori: "Sono felice per la squadra, abbiamo eguagliato il record della Ferrari di Schumacher e Todt. E' molto difficile motivarsi ogni anno, rimanere innovativi, spingere e continuare a sviluppare". 

VERSTAPPEN - "Per una volta ero partito bene, il che era positivo. Poi alla curva 2 Charles mi è venuto addosso, la mia macchina era distrutta. Cosa doveva fare di più per essere penalizzato?". E' lo sfogo di Max Verstappen dopo il ritiro al Gran Premio del Giappone. Partito dalla quinta posizione, il pilota olandese è stato colpito da Charles Leclerc. Alla fine il pilota della Red Bull ha dovuto gettare la spugna dopo una quindicina di giri. Ora si attende la decisione dei commissari di gara sull'incidente. Verstappen è una furia: "Mi piace gareggiare duro ma questo non lo è, è guidare da irresponsabili".

LECLERC - Leclerc è ancora sotto investighazione per il contatto con Verstappen: ''Partenza da dimenticare? Mi sono divertito, certo il sesto non era il posto che volevamo oggi nè quello che meritava la squadra, mi dispiace. Per me è stato difficile, dopo la partenza e l'incidente non c'era la possibilità di fare di più . È un vero peccato''. Il monegasco guarda al bicchiere mezzo pieno: ''La cosa positiva è che sono cinque weekend che abbiamo trovato la performance in qualifica, cosa che ad inizio anno non c'era e dobbiamo tenerlo in testa. In gara abbiamo ancora del lavoro da fare". POi ammette: "Anche io come pilota devo lavorare, sembro abbastanza ok in qualifica ma poi in gara faccio un po' più di fatica''.

BINOTTO - "C'è tanto rammarico, non abbiamo raccolto quello che abbiamo seminato. La partenza ha compromesso il resto della gara anche se il nostro ritmo non era all'altezza della Mercedes. Ma partendo davanti ci potevamo difendere". Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, fa il punto: "Vettel ha anticipato la partenza e per fortuna non è stato penalizzato, ha perso l'attimo e non è partito bene. La partenza di Leclerc è stata una conseguenza di quella di Vettel, ha visto Seb muoversi e si è distratto. Il contatto con Verstappen? Quando ti trovi in mischia non è facile, le traiettorie son tirate". Il pit-stop di Leclerc ritardato: "Abbiamo visto che dopo aver perso il pezzo aveva un buon ritmo. Ma la Fia ci ha ordinato di richiamarlo ai box per ragioni di sicurezza e abbiamo eseguito l'ordine". 

HAMILTON - "Se avrei potuto lottare per la vittoria? Innanzitutto mi congratulo con tutto il mio team, è un titolo meritatissimo. E questo è il punto più importante, io volevo solo portare a casa più punti possibile". Lewis Hamilton pensa già al Messico, dove ha il suo promo match-ball. "Avrei potuto battagliare più liberamente con Valtteri se non ci fosse stato in ballo il titolo? No, non sarebbe stato diverso, perché abbiamo sempre potuto battagliare dall'inizio. E lo potremo faremo fino a fine stagione".

MOMENTI CLOU

Ha vinto Bottas, Vettel secondo e Hamilton terzo.

Duello Vettel-Hamilton. Bottas verso la vittoria.

Perez fuori.

Vettel chiude la porta a Hamilton, per ora resiste.

Giro 50: nuova sosta per Leclerc. Ricciardo passa Gasly

Vettel resiste all'attacco di Hamilton, ma la Mercedes è più veloce e ha le gomme più fresche.

La Mercedes di Hamilton vola, Vettel nel mirino. Record della pista per il britannico.

Hamilton rientra terzo, dietro a Bottas e Vettel.

Giro 43: Hamilton si ferma per la seconda sosta a i box: gomme soft. 

Male le Alfa: Giovinazzi 15esimo, Raikkonen 17esimo

Leclerc sesto punta Sainz. Hamilton primo, ma con una sosta in meno del compagno Bottas, secondo.

Vettel con la gomma rossa registra il giro veloce 1'32"122

Ferrari più lente delle Frecce d'argento. Almeno 16 secondi tra Vettel e la vetta 

Giro 36: Bottas ai box per seconda sosta: monta le soft. Hamilton primo. Fiinlandese rientra ampiamente secondo.

Leclerc passa Gasly, è sesto

Le Mercedes stanno scappando: Bottas primo, Hamilton secondo, Vettel terzo, Albon quarto, Sainz quinto, Gasly sesto e Leclerc settimo.

Leclerc passa Hulkenberg e Stroll ed è settimo.

Giro 33: Secondo pit stop per Vettel, gomme medie per il tedesco.

Mercedes più veloci delle Ferrari. Bottas: giro più veloce.  

Leclerc è undicesimo. Anche Ricciardo ai box.

Giro 26: Leclerc ai box per la seconda volta. Cambio gomme. Pneumatici rossi solo per Vettel, Sainz e Kvyat, gialli e bianchi per gli altri. 

Punto: Bottas primo, Vettel secondoa 11", Hamilton terzo a 21", Sainz jr quarto, Albon quinto, Ricciardo sesto e Leclerc settimo.

Giro 22: Hamilton ai box, cambio gomme.

Incidente Leclerc-Vestappen verrà analizzato nel dopo gara (in seguito è stato penalizzato di 15 secondi ndr). 

Giro 18: Bottas ai box, cambio gomme.

Giro 17: Vettel ai box, cambio gomme.

Giro 15: la classifica 

Si ferma Verstappen.

Incredibile: Vettel graziato: secondo i commissari non ha superato del tutto il sensore quindi niente penalizzazione per falsa partenza.

Leclerc scatenato, è già 13esimo

Sotto investigazione anche Vettel. Per il tedesco falsa partenza.

Leclerc sotto investigazione per contatto con Leclerc. Su Vettel pende il rischio di una penalizzazione per la partenza anticipata: è partito prima, poi ha frenato ed è ripartito. Disastro, ringrazia Bottas.

Bruttav partenza delle Ferrari. Vettel è a 2 secondi da Bottas. Il

Leclerc rientra 20esimo

Bottas primo, Vettel secondo. Leclerc si ferma ai box per cambiare l'ala

Incidente tra Leclerc e Verstappen

Bottas passa le Ferrari

Vettel parrtito prima del verde, verrà penalizzato

Partiti

Si corre in una giornata assolata e su pista asciutta il giorno dopo il passaggio del tifone Hagibis, che nel Paese ha provocato vittime e devastazioni e a Suzuka ha obbligato ad annullare tutte le attività del sabato e a disputare le qualifiche la domenica.

 

QUALIFICHE: PRIMA FILA FERRARI

Prima fila Ferrari al Gran premio di Formula 1 del Giappone, a Suzuka. In pole position Sebastian Vettel, con il tempo di  1'27"064. Secondo il compagno di scuderia Charles Leclerc, 1'27"253. Seconda fila Mercedes, con Valtteri Bottas terzo (1'27"293) e Lewis Hamilton quarto (1'27"302). Poi le Red Bull di Max Verstappen e Alexander Albon.

Classifica piloti - Classifica costruttori 

Calendario - Risultati