Sakhir (Bahrain), 8 aprile 2018 - Gp di fuoco nel deserto del Bahrain. Sebastian Vettel si ripete dopo l'Australia, mettendo a segno il secondo trionfo in due gran premi nella stagione 2018 di Formula 1. Il tedesco della Ferrari riesce a completare i 57 giri con un solo pit stop, arrivando al traguardo con le gomme soft sostituite al 19esimo giro. Un'operazione 'folle' ma che ha spiazzato i rivali della Mercedes. Al secondo posto, a una manciata di decimi, c'è Valtteri Bottas, che precede il compagno di squadra Lewis Hamilton, autore di una bella rimonta dalla nona posizione. Un capitolo a parte merita la corsa di Kimi Raikkonen, partito dalla prima fila ma finito fuori dopo una sosta da incubo: una gomma non è ancora fissata quando il finlandese riparte, travolgendo un meccanico (foto sotto) che ha rimediato una doppia frattura alla gamba. Con oggi Vettel consolida il suo primato in classifica salendo a 50 punti. Segue Hamilton a 33, poi Bottas a 22.  

Attenzione, immagini forti

Gara da dimenticare per le Red Bull. Daniel Ricciardo esce di scena all'inizio per un problema elettronico sulla monoposto, Max Verstappen per una foratura causata dal contatto in avvio con la Lewis Hamilton, che aveva appena superato. Ne approfitta Pierre Gasly, il debuttante francese della Toro Rosso, che si piazza al quarto posto ai piedi del podio. Quinto è Magnussen con la Haas, davanti alla Renault di Hulkenberg. Sorridono anche le due McLaren di Alonso e Vandoorne, rispettivamente settimo e ottavo. A chiudere la top ten la Sauber/Alfa Romeo, nona con Ericcson e la Force India di Ocon, decima. 

ORDINE D'ARRIVO  

Classifica piloti

Classifica costruttori 

VETTEL: HO RISCHIATO TUTTO - A spiegare la strategia Ferrari ci pensa Vettel a fine gara. "Quando a dieci giri dalla fine ho detto via radio che era tutto sotto controllo, stavo mentendo - ammette - Quando ho visto il passo di Valtteri ho detto 'non ce la posso fare, mi prende di sicuro'. Quindi ho provato a fare il possibile. Dopo il primo stint abbiamo visto cosa loro volevano fare montando le medium e noi dovevamo montare le soft, ma abbiamo dovuto deviare dal piano originale e alla fine mi sono bastate appena appena. Ci ha provato e per fortuna i giri sono finiti ed ho vinto io" racconta il leader del mondiale piloti a punteggio pieno. C'è un velo però di amarezza nelle parole del tedesco: "Sono triste per l'incidente al nostro meccanico. Ma so che gli sono vicini e lo stanno curando". 

L'INCIDENTE DI RAIKKONEN -  Il meccanico Ferrari è stato colpito dalla ruota posteriore sinistra, rimendiando una doppia frattura di tibia e perone della gamba sinistra. "Io sono entrato e la luce era verde e sono ripartito - spiega Raikkonen - Non so cosa è successo dietro di me. Un ragazzo si è fatto male ma il mio compito è ripartire quando la luce è verde". 

BOTTAS DELUSO - Deluso dal secondo posto Valtteri Bottas. "Noi abbiamo scelto inizialmente una mescola più dura e speravamo di poter approfittare di questo durante la gara. Purtroppo, Vettel non ha mai sbagliato e per me non c'è mai stato lo spazio per poter passare in testa". 

HAMILTON -  E' "contento" della sua gara invece Hamilton,  partito dalla nona e finito in terza posizione: "Ho limitato bene i danni", spiega il britannico che ha avuto difficoltà di comunicazione in gara con il suo team."In certi momenti non sapevo bene cosa fare, e questo è stato un po' frustrante".

Motogp Argentina 2018 live, la diretta della gara dalle 20

RIVIVI LA DIRETTA - Gp Bahrain, i momenti clou: rivivi la diretta testuale 

Giro 57 - Vince Vettel!

Giro 55 - Otto decimi. 

Giro 54 - Ultimi giri al cardiopalma: un secondo e mezzo tra Vettel e Bottas

Giro 52 - Bottas guadagna decimi su decimi: 3" di distacco da Vettel

Giro 48 - Vettel è a +5",3 da Bottas. Sembra chiaro che non si fermerà per il secondo pit stop. Cerca di gestire le gomme al meglio. 

Giro 44 - Vettel è al 25esimo giro con queste gomme: guida davanti Bottas e Hamilton

Giro 36 - Clamoroso pit stop di Raikkonen: il finlandese riparte prima che una gomma sia fissata. Gara finita per lui. Un meccanico investito: viene soccorso e portato in ospedale. La Ferraro: "E' cosciente".  

Giro 30 - Bottas accorcia su Vettel. E potrebbe non fare altre soste a diffenza del ferrarista. 

Giro 27- Pit stop Hamilton che monta le bianche: rientra quarto

Giro 26 - Vettel sorpassa Hamilton!

Giro 25 - Hamilton a quattro decimi davanti a Vettel. Poi Bottas e Raikkonen

Giro 21 - La Mercedes punta sulle gomme bianche. Bottas rientra in terza posizione dopo la sosta

Giro 19 - Pit stop di Vettel. Rientra con gomma gialla in quarta posizione. Anche Raikkonen ai box. 

Giro 18 - Due secondi e due decimi il distacco tra Vettel e Bottas. 

Giro 12 - Tre secondi il distacco tra il terzo posto di Raikkonen e il secondo di Bottas. Guadagna decimi Vettel. Ma è Hamilton il più veloce in pista. 

Giro 8 - Risale ancora Hamilton, che si piazza quarto davanti Gasly e Magnussen

Giro 8 - Hamilton under investigation per l'incidente con Verstappen

Giro 6 - Non ce la fa  Verstappen: si ritira

Giro 5 - Vettel, Bottas, Raikkonen, Gasly, Magnussen, Hamilton

Giro 5 - Hamilton ne passa 3 in un colpo solo: è sesto

Giro 3 - Verstappen rientra dopo un cambio gomme

Giro 2 - Giro incubo per Red Bull: si ferma Verstappen dopo un contatto con Hamilton, Ricciardo è fuori. 

Giro 1 - Vettel scatta davanti a tutti. Bottas salta Raikkonen: è secondo. Bene Hamilton

F1_30260349_194041

La griglia di partenza: 1. Vettel (Ferrari); 2. Räikkönen (Ferrari); 3. Bottas (Mercedes); 4. Ricciardo (Red Bull); 5. Gasly (Toro Rosso); 6. Magnussen (Haas); 7. Hülkenberg (Renault); 8. Ocon (Force India) 9. Hamilton (Mercedes); 10. Sainz Jr (Renault); 11. Hartley (Toro Rosso); 12. Pérez (Force India).

Formula 1 Gp Bahrain 2018, orari tv (diretta Sky e differita Tv8)

Linda Morselli

IL CIRCUITO - Si tratta di una pista storicamente favorevole al cavallino che, oltre a detenere il record di successi (5 dal 2004 a oggi), ottenne la vittoria nella scorsa edizione del Gp con Sebastian Vettel. Anche in quell'occasione la Safety Car (seppur non virtuale) diede un importante contributo alla strategia vincente elaborata dalla Ferrari col tedesco che riuscì a precedere le due Mercedes di Hamilton e Bottas. Occhi puntati anche su Raikkonen e Alonso, il primo - parso più in forma del compagno di team a Melbourne - detiene il record di podi ottenuti sul circuito (8) mentre il secondo - al volante di una McLaren che sta finalmente ritrovando competitività - è il primatista di vittorie assieme a Vettel (3).

FORMULA 1_29865565_144401