Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
26 mar 2022

F1 Gp Arabia: pole Perez davanti a Leclerc. Paura per Mick Schumacher. Griglia di partenza

Il pilota tedesco della Haas si è schiantato contro il muro a oltre 200 km/h: portato via in ambulanza, poi in ospedale per controlli. Dopo qualche ora twitta: "Sto bene, grazie a tutti". Domani non gareggerà. Clamorosa eliminazione in Q1 per Hamilton

26 mar 2022
Mick Schumacher ha avuto un impatto violentissimo contro un muretto durante la Q2 del GP di Arabia Saudita, 26 marzo 2022. Il pilota ha perso il controllo della sua Haas alla curva 11, andando sopra un cordolo in un punto in cui si procede ad oltre 200 chilometri orari. Qualifiche interrotte e ambulanza in pista per portare via il giovane driver.
TWITTER
+++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++ +++NO SALES; NO ARCHIVE; EDITORIAL USE ONLY+++
L'incidente a Mick Schumacher. Nel riquadro, il pilota nella foto postata su Twitter
Mick Schumacher ha avuto un impatto violentissimo contro un muretto durante la Q2 del GP di Arabia Saudita, 26 marzo 2022. Il pilota ha perso il controllo della sua Haas alla curva 11, andando sopra un cordolo in un punto in cui si procede ad oltre 200 chilometri orari. Qualifiche interrotte e ambulanza in pista per portare via il giovane driver.
TWITTER
+++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++ +++NO SALES; NO ARCHIVE; EDITORIAL USE ONLY+++
L'incidente a Mick Schumacher. Nel riquadro, il pilota nella foto postata su Twitter

Jeddah, 26 marzo 2022 - Paura nelle qualifiche del Gp di Arabia Saudita di Formula 1 (diretta). In Q2 momenti di apprensione per Mick Schumacher: il pilota tedesco della Haas si è schiantato contro il muro a forte velocità, a circa 200 km/h. Qualifiche interrotte e ambulanza in pista per portare via il giovane driver, che comunque è rimasto cosciente. Schumacher è in "buone condizioni", fa sapere la Haas. Il pilota tedesco è stato comunque trasportato in ospedale con l'elicottero per "precauzione, per essere sottoposto a ulteriori controlli medici".

Dopo le 22 arriva il sospiro di sollievo. Il pilota twitta, postando una sua foto sorridente: “Ciao a tutti, volevo dirvi che sto bene. Grazie per i messaggi d’affetto. La macchina era a posto, torneremo più forti di prima”. Nonostante il violento botto col muro che ha distrutto la Haas, il tedesco non ha riportato conseguenze ma domani non gareggerà.

E' di Sergio Perez la pole position. Il pilota della Red Bull ha chiuso in 1'28"200 davanti alle Ferrari di Charles Leclerc per 25 millesimi e all'altro ferrarista Carlos Sainz. Quarto Max Verstappen con l'altra Red Bull.

Sul Corniche Circuit di Gedda si corre anche con un poco di apprensione per il missile sganciato da un drone e caduto poco distante dai ribelli Huthi dello Yemen. Gli organizzatori assicurano sulla sicurezza dell'evento e i piloti si dicono pronti per la gara. "Abbiamo affrontato delle lunghe discussioni fra di noi, con i nostri team principal e con chi gestisce il nostro sport - si legge infatti nel comunicato della Grand Prix Drivers' Association - Alla fine abbiamo deciso che avremmo fatto oggi libere e qualifiche e domani la gara. Speriamo perciò che il Gran Premio dell'Arabia Saudita sarà ricordato come una bella gara piuttosto che per l'incidente di ieri".

Orari del Gp a Jeddah. Dove vederlo su Tv8 e Sky

Gp Arabia Saudita, la Ferrari di Leclerc (Ansa)
Gp Arabia Saudita, la Ferrari di Leclerc (Ansa)

Calendario e risultati / Classifiche

Live

Terze libere

Leclerc è stato il più veloce anche nella terza e ultima sessione di libere. Il monegasco ha fermato il cronometro a 1'29"735 precedendo le due Red Bull: il campione del mondo in carica Max Verstappen è staccato di 33 millesimi, sono 98 invece quelli che separano Sergio Perez. Poi, in quarta posizione, l'altra Ferrari di Carlos Sainz. Ancora indietro le Mercedes: Lewis Hamilton è 11esimo, mentre George Russell è 14esimo. 

Profondo Rosso, il blog di Leo Turrini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?