Max Verstappen (Ansa)
Max Verstappen (Ansa)

Jeddah, 5 dicembre 2021 - Lewis Hamilton su Mercedes ha vinto il Gran Premio dell'Arabia Sauditacorsa piena di colpi di scena. Seconda la Red Bull di Max Verstappen, poi l'altra Mercedes di Bottas. Settima la Ferrari di Charles Leclerc e ottava l'altra Rossa di Carlos Sainz. Tra bandiere rosse e ripartenze dalla griglia non sono mancate le scintille fra i due contendenti al mondiale. Sotto investigazione il tamponamento di Hamilton su Verstappen. L'olandese, penalizzato di 5 secondi per un sorpasso con taglio del circuito sul britannico.

Le pagelle di Leo Turrini

10 Verstappen

Un pazzo vero. Ma che cuore, che grinta, che irresistibile audacia. Detta come va detta, minimo minimo meriterebbe di vincere il mondiale tanto quanto Hamilton. Se non di più.

10 Hamilton

Un pazzo vero anche lui. Ha già vinto sette titoli, non è più un ragazzino ma si batte con una ferocia che è figlia del desiderio fortissimo di non abdicare. E forse salverà la corona.

8 Ocon

Azzecca una partenza fantastica nel delirio collettivo. E poi tiene botta con una Alpine Renault che non è certo un missile, perdendo il podio solo in extremis. Stavolta meglio lui del maestro Fernando Alonso.

7 Giovinazzi

Già licenziato dalla Alfa Romeo senza alcuna motivazione credibile, l’unico italiano in pista si inventa una prestazione solidissima. E porta la macchina miracolosamente in zona punti.

6 Leclerc

Gli episodi lo penalizzano, togliendogli la prospettiva di una presenza almeno a ridosso del podio. Il guaio è che al posto di Ocon doveva esserci lui con la Ferrari. Invece non c’era.

5 Domenicali

Ha rilanciato il prodotto F1 ma non è stata una grande idea portare il Gran Premio in Arabia Saudita. E non solo per la dolorosa questione dei diritti umani.

4 Todt

È il presidente della federazione internazionale. I giudici di gara dipendono da lui. Non è che nella stagione stiano brillando, per usare un eufemismo.

2 Perez

Fra sabato e domenica il messicano prende a picconate il sogno Red Bull tra i costruttori. E meno male che doveva dare un aiuto speciale a Verstappen.

1 Mazepin

Il rampollo dorato dell’oligarca russo non perde occasione di mettersi in mostra ma in negativo. Ieri ha tamponato Russell, tanto per gradire. A chi tocca la prossima volta?

0 Schumacher

La difficile stagione dell’apprendistato si avvia a conclusione senza acuti. Anzi, con un gran botto figlio di un errore di guida. Si rifarà.