Max Verstappen ad Abu Dhabi (Ansa)
Max Verstappen ad Abu Dhabi (Ansa)

Abu Dhabi, 12 dicembre 2021 - Max Verstappen sorpassa Hamilton all'ultimo giro, vince il Gp di Abu Dhabi e conquista il mondiale di Formula 1 2021. Emozioni a non finire nella gara di oggi che chiude una stagione tra le più avvincenti di sempre. Di seguito le pagelle di Leo Turrini. 

Respinti i reclami Mercedes

10 e lode Verstappen

Ce la fa in coda ad un mondiale pazzesco. Il sorpasso che vale il titolo è da urlo. È giusto sia lui a raccogliere l’eredità di un fuoriclasse come Lewis. Può segnare un’epoca.

10 a Hamilton

Grandissimo nel giorno della sconfitta più amara. Perde non per colpa sua, perde ma resta un protagonista assoluto, enorme anche nella accettazione dell’incredibile kappao.

10 a Raikkonen

Si ritira, in tutti i sensi. Esce di scena dopo vent’anni di carriera gloriosa. Ultimo iridato con la Ferrari e forte è il sospetto che tale resterà a lungo.

8 a Perez

È il gregario dell’olandese volante. Non sempre brillantissimo nell’arco della stagione, ma quello che fa per rendere dura la vita ad Hamilton nella domenica di Abu Dhabi è davvero da applausi.

7 a Sainz

Alla fine della fiera, chiude il campionato davanti al compagno di squadra Leclerc. A marzo nessuno lo avrebbe immaginato. È stato solido, tenace, generoso. Binotto ha avuto ragione a sceglierlo per il dopo Vettel.

6 a Leclerc

Ingoia rospi per tutto l’anno. Gli restano le emozioni delle pole di Montecarlo e di Baku. Ma non vince una corsa dall’estate del 2019. Non è colpa sua. Intanto il tempo passa…

6 a Binotto

La sua Ferrari chiude il campionato al terzo posto tra i costruttori. Era l’obiettivo dichiarato. Ma la Rossa è stata doppiata troppe volte per parlare di una stagione positiva.

5 a Bottas

Si congeda dalla mercedes con un’altra prestazione opaca, il linea con il suo rendimento complessivo. è stato uno scudiero fedele, ma non sarà mai un campione.

4 a Wolff

Purtroppo per lui, non è vero che vincere è l’unica cosa che conta. Da marzo in poi, il boss della Mercedes ha sempre manifestato una arroganza non di rado sfociata nel delirio di onnipotenza. Ma il troppo stroppia.

0 Latifi

È l’anti eroe che non ti aspetti, il personaggio in negativo che fa saltare il banco del mondiale. Piccolo particolare aggiuntivo: guidava una macchina che monta un motore Mercedes, ehm ehm…