Grid girls sul circuito di Suzuka (Ansa)

Roma, 31 gennaio 2018 - La Formula 1 dice addio al binomio donne e motori. Dalla prossima stagione, che prenderà il via il 25 marzo con il Gp di Melbourne, non saranno infatti più presenti le grid girls, le cosiddette 'ombrelline'. Niente più avvenenti ragazze in pista quindi, nemmeno nelle categorie a supporto nei weekend di gara.

"Nell'ultimo anno abbiamo esaminato una serie di settori che ritenevamo necessari da aggiornare per essere più in sintonia con la nostra visione di questo sport", ha spiegato Sean Bratches, direttore responsabile delle operazioni commerciali. "Sebbene l'impiego delle grid girls sia una prassi consolidata da decenni nei Gran Premi di Formula 1, riteniamo che questa consuetudine non sia in linea con i valori del nostro marchio e con le norme della società moderna. Non crediamo che questa abitudine sia appropriata o rilevante per la Formula 1 e i suoi fan sparsi per il mondo, sia di vecchia data che nuovi", ha aggiunto il manager.

I fan su Twitter: "Una tragedia".

La Formula 1, sotto l'egida della nuova proprietà Liberty Media, dice addio a una vecchia consuetudine con l'intento di trasformare il tempo trascorso da squadre e piloti sulla griglia prima della gara in una sorta di celebrazione, durante il quale ospiti e artisti possano aggiungere fascino allo spettacolo dei Gran Premi e, allo stesso tempo, sia consentito a promoter e partner di mostrare i loro paesi e prodotti.