Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 giu 2022

Ferrari, lo stratega Rueda: "Ecco gli errori commessi con Leclerc a Montecarlo"

Il capo della strategia ha spiegato gli errori commessi a Montecarlo

2 giu 2022
Uno dei due pit stop di Leclerc a Montecarlo
Uno dei due pit stop di Leclerc a Montecarlo
Uno dei due pit stop di Leclerc a Montecarlo
Uno dei due pit stop di Leclerc a Montecarlo

Bologna, 2 giugno 2022 - Vittoria Red Bull a Montecarlo e polemiche interne in casa Ferrari con Charles Leclerc furente per non aver trionfato nel gp di casa a causa di una errata strategia del muretto dopo la pole del sabato. Una doppia sosta fatale per il monegasco che prima è passato da full wet a intermedie e poco dopo alle slick. Nel frattempo, Carlos Sainz avrebbe potuto vincere la gara con un solo pit stop, ma il traffico di Latifi non gli ha consentito di rimanere davanti a Checo Perez.

Rueda: "Ecco i nostri errori"

Il capo della strategia Inaki Rueda ha illustrato gli errori commessi al Gp di Montecarlo con Charles Leclerc, mentre Carlos Sainz avrebbe vinto senza il traffico di Latifi: "Con Sainz abbiamo fatto una ottima gara e dopo il primo giro di soste era primo - la sua analisi riportata da Motorsport.com - Il piano iniziale era quello di coprire Perez ma abbiamo capito presto che non avrebbe funzionato, quindi siamo rimasti fuori aspettando di mettere le slick. Siamo stati i primi a mettere le gomme da asciutto ma all'uscita Sainz ha ritrovato Latifi e tutto questo gli è costato tre secondi. Avrebbe vinto la gara". Tutto diverso il discorso su Leclerc, la Ferrari ha commesso due errori di strategia: "Il primo errore è stato coprire Perez, avevamo 10 secondi di vantaggio ma l'ultimo riferimento temporale ce ne dava uno all'uscita dalla sosta, non ci aspettavamo la Red Bull più veloce di nove secondi in quel giro e abbiamo perso la gara". Ma c'è stato un errore anche successivo: "Volevamo passare con entrambe le vetture su gomme da asciutto per avere Sainz davanti e Leclerc secondo, il divario tra le due auto era di 5.5 secondi, sufficienti per il pit, ma quando si sono avvicinate ai box il margine era sceso a 3.5 e abbiamo chiesto a Leclerc di restare fuori, ma era tardi. In pit lane ha perso due secondi e questo ha permesso a Verstappen di andare davanti".

Leggi anche - Red Bull, Perez rinnova fino al 2024

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?