Mattia Binotto (Ansa)
Mattia Binotto (Ansa)

Imola, 16 aprile 2021 - La Formula 1 è scesa in pista questo pomeriggio per le prime due sessioni di prove libere ad Imola, nel GP del Made in Italy e dell'Emilia Romagna. Mattia Binotto, team principal della Ferrari, è stato intervistato ai microfoni di Sky Sport per esprimere un'opinione sulle prestazioni delle monoposto di Charles Leclerc e Carlos Sainz: "La vettura è migliorata sotto ogni punto di vista rispetto al 2020, ma è presto per giudicare. Siamo molto curiosi anche noi di vedere le prestazioni qui ad Imola, che è una pista con molti rettilinei ma condizioni ambientali più fredde rispetto al Bahrain".

Parole che suonano positive anche in ottica mondiale, dove la Scuderia tenterà di raggiungere la terza posizione nel campionato costruttori. Ma ora il focus è sulla gara di domenica, un Gran Premio speciale per il team di Maranello: "È il Gran Premio del Made in Italy, volto a valorizzare la nostra eccellenza nel mondo e la Ferrari, come brand, simbolizza quesa eccellenza - afferma Binotto - Imola è un circuito che ci piace particolarmente e l'autodromo è intitolato ad Enzo e Dino Ferrari, motivo in più che ci lega a questa pista".

Lavori in corso per il 2022

Impossibile per Binotto evitare domande in ottica mondiale 2022. Il cambio di regolamento porterà modifiche sostanziali alle monoposto e al campionato, che verrà stravolto dalle novità tecniche che verranno introdotte. "Questo mondiale è complesso per la gestione delle priorità - conferma il team principal della Rossa - anche per via del budget cap. È la prima stagione nella quale dobbiamo affrontare il tetto di spesa ed essere obbligati a decidere con attenzione dove concentrare i nostri sforzi e le nostre risorse. La priorità assoluta a Maranello è la vettura del 2022: è già in galleria, sta progredendo e saranno i dettagli aerodinamici, delle sospensioni e quant'altro a fare la differenza".

Leggi anche: MotoGp, a Portimao Marquez è già terzo nelle libere. Primo Bagnaia