Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
12 giu 2022
12 giu 2022

F1 Gp Baku: vince Verstappen, doppio ritiro Ferrari. Ordine d'arrivo e classifica

Sainz e Leclerc costretti a fermarsi per problemi a freni e motore. Il monegasco: "Fa male, punti persi". Terzo posto per Russell

12 giu 2022
Ferrari's Monegasque driver Charles Leclerc gets ready for the Formula One Azerbaijan Grand Prix at the Baku City Circuit in Baku on June 12, 2022. (Photo by NATALIA KOLESNIKOVA / AFP)
Charles Leclerc costretto al ritiro a Baku (Ansa)
Ferrari's Monegasque driver Charles Leclerc gets ready for the Formula One Azerbaijan Grand Prix at the Baku City Circuit in Baku on June 12, 2022. (Photo by NATALIA KOLESNIKOVA / AFP)
Charles Leclerc costretto al ritiro a Baku (Ansa)

Roma, 12 giugno 2022 - Clamoroso a Baku, nel Gp di Azerbaijan 2022 di F1: doppio ritiro per le Ferrari. Al giro 9 Sainz si ferma per problemi ai freni, al giro 21 Leclerc rompe il motore mentre era al comando della gara. Alla fine trionfa la Red Bull con Max Verstappen davanti a Sergio Perez. Sul gradino più basso del podio sale la Mercedes con George Russell. Quarto posto per l'altra freccia d'argento di Lewis Hamilton che si lascia alle spalle l'Alpha Tauri di Pierre Gasly, l'Aston Martin di Sebastian Vettel e l'Alpine di Fernando Alonso. A completare la top ten le due McLaren dell'australiano Daniel Ricciardo e dell'inglese Lando Norris e l'Alpine di Esteban Ocon.

Erano ben 13 anni (dal Gp d'Australia 2009) che la scuderia di Maranello non faceva segnare un doppio ritiro per problemi alle monoposto. Ora la situazione nella classifica iridata si complica e non poco: Verstappen sale a 150 punti, davanti a Perez (129) e Leclerc (116).

Classifica / Calendario e risultati

Le pagelle di Leo Turrini

L'ordine d'arrivo

1. Max Verstappen (Ned) Red Bull 1:34'05"941 
2. Sergio Perez (Mex) Red Bull +20"823 
3. George Russell (Gbr) Mercedes +45"995 
4. Lewis Hamilton (Gbr) Mercedes +71"679 
5. Pierre Gasly (Fra) AlphaTauri +77"299 
6. Sebastian Vettel (Ger) Aston Martin +84"099 
7. Fernando Alonso (Esp) Alpine +88"596 
8. Daniel Ricciardo (Aus) McLaren +92"207 
9. Lando Norris (Gbr) McLaren +92"556 
10. Esteban Ocon (Fra) Alpine +108"184 
11. Valtteri Bottas (Fin) Alfa Romeo +1 GIRO 
12. Alexander Albon (Tha) Williams +1 GIRO 
13. Yuki Tsunoda (Jpn) AlphaTauri +1 GIRO 
14. Mick Schumacher (Ger) Haas +1 GIRO 
15. Nicholas Latifi (Can) Williams +1 GIRO

Piloti ritirati: Lance Stroll (Can) Aston Martin Guanyu Zhou (Chn) Alfa Romeo Kevin Magnussen (Den) Haas Charles Leclerc (Mon) Ferrari Carlos Sainz (Esp) Ferrari

Le parole di Leclerc e Sainz

"Domani analizzeremo cosa è successo, ma è un ritiro che fa molto male". Così Charles Leclerc, a Sky Sport, ha commentato l'ennesimo ritiro per motivi tecnici. "Ora non trovo le parole... Nelle ultima tre gare ci sono state le prestazioni - ha aggiunto il pilota Ferrari, ma è mancata l'affidabilità. Altri 25 punti persi...". Cupo anche Sainz. "Non è un bel giorno per la Ferrari. Eravamo tranquilli, ci ha sorpreso questo doppio ritiro, in particolare per me è stata la prima volta per un problema idraulico - dice lo spagnolo -. Ero in pieno gestione gomme, appena ho iniziato a spingere un po' è successo qualcosa. Ora bisogna restare calmi e uniti, la stagione è ancora lunga, sono sicuro che la squadra analizzerà il tutto e tornera' a lavorare per risolvere questi problemi di affidabilità". 

false
false

Binotto: "Affidabilità ci preoccupa"

"Oggi si sono verificati due ritiri che ci penalizzano molto per quello che era l'andamento della gara. Charles era in testa grazie a una bella strategia della squadra, anche se l'affidabilità è una preoccupazione ed evidentemente non è ancora al 100% - commenta Mattia Binotto, team principal della Ferrari -. Sappiamo che c'è molto lavoro da fare. Bisogna valutare i casi uno per uno, ma bisogna vedere anche cosa è capitato a Sainz. Sicuramente è un tema importante allo stesso livello della prestazione. Bisogna essere perfetti e non ci siamo ancora". "Sapevamo che le gomme dure erano molto resilienti e puntavamo ad andare avanti fino al termine della gara. E' un peccato non aver concretizzato il vantaggio ottenuto con la Virtual Safety Car", conclude ai microfoni di Sky Sport.

Verstappen e Perez

Animo completamente diverso per Verstappen. "Oggi abbiamo avuto un ottimo passo e sono riuscito a prendermi cura delle gomme - dice l'olandese a fine gara -. Abbiamo avuto un po' di fortuna con il ritiro dei nostri avversari, ma la macchina era ottima quindi avrei avuto tutta la gara per recuperare. Gestire gli pneumatici è fondamentale qui e siamo felici della doppietta. Il GP in Canada? Ogni weekend è diverso da quello prima, bisogna essere precisi e ogni gara tutto può cambiare". Qualche rammarico invece per Perez. "Peccato aver perso la chance del pit stop in occasione della prima virtual safety car, poi alla ripartenza ho avuto problemi di degrado gomme, mentre Verstappen è stato più veloce. Oggi comunque abbiamo ottenuto un grande risultato di squadra", dice messicano.

Rivivi la diretta

Il blog di Leo Turrini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?