Lewis Hamilton (LaPresse)
Lewis Hamilton (LaPresse)

Suzuka, 11 ottobre 2019 - A due settimane dall'appuntamento di Sochi, la Formula 1 torna in pista per il Gran Premio del Giappone, valido per il mondiale 2019. Ma riceve subito uno stop a causa del passaggio del tifone HagibisDunque, niente qualifiche sabato a Suzuka: lo ha comunicato la Formula 1 venerdì mattina, a pochi minuti dall`inizio della prima sessione di prove libere: il cirucito resterà chiuso tutta la giornata di sabato. La lotta per la pole è stata rinviata a domenica mattina prima del Gran Premio di F1. Le qualifiche si disputeranno alle 10 locali (quando in Italia saranno le 3) mentre il via della gara è previsto alle 14.10, le 7.10 in Italia. Qualora le prove ufficiali dovessero saltare causa maltempo, la griglia di partenza verrà stabilita in base ai risultati delle libere 2. (Ovvero Bottas in pole position con Hamilton in prima fila, poi Verstappen e Leclerc, quindi Vettel e Albon)

false

La diciassettesima tappa della stagione (delle 21 totali presenti in calendario) si disputa sullo storico circuito di Suzuka. La scorsa gara in Russia ha visto la Mercedes conquistare un'insperata doppietta con Lewis Hamilton che ha preceduto alla bandiera a scacchi Valtteri Bottas e Charles Leclerc. Una corsa beffarda per le rosse di Maranello che, dopo aver dominato le prime fasi con un Sebastian Vettel in grande spolvero davanti al compagno, ha dovuto assistere al ritiro del tedesco per un problema di affidabilità che, tra l'altro, ha causato l'esposizione della virtual safety car che ha di fatto compromesso anche la gara dell'altro pilota della scuderia, ritrovatosi dietro ai rivali dopo essere stato a lungo davanti. Abbandonate ormai ogni velleità di titolo, le Ferrari devono però rispondere immediatamente ai rivali su un circuito che li ha tradizionalmente favoriti, dall'avvento dell'era turbo-ibrida (2014), infatti, la Mercedes ha vinto tutte le edizioni della rassegna giapponese.

Gp Giappone 2019: caratteristiche e segreti del circuito

Tifone Hagibis in Giappone, minacciato Gp di F1 a Suzuka

Orari F1 Sky e Tv8

Tutti i live, al solito, sono disponibili per gli abbonati Sky su Sky Sport F1 HD (canale 207 del satellite), mentre l'offerta di Tv8 (in chiaro sul canale 8 del digitale), prevede le differite di qualifiche e gara.

Venerdì 11 ottobre

Ore 3: Prove Libere 1

Ore 7: Prove Libere 2

Domenica 13 ottobre

Ore 3: qualifiche (differita ore 12.30 su Tv8)

ore 7.10: Gara (trasmessa in differita su Tv8 dalle 15)

Calendario gare, date e orari tv di tutti i Gran Premi

 

La classifica

La classifica mondiale vede ora Lewis Hamilton saldamente al comando dall’alto dei 322 punti sinora conquistati. Il britannico ormai è sempre più vicino alla conquista del sesto titolo iridato grazie alle 73 lunghezze che lo separano dal compagno di team, Valtteri Bottas (249). Dietro al finlandese è lotta a tre con Charles Leclerc (215) davanti a Max Verstappen (212) e Sebastian Vettel (194) , quest'ultimo un po' più lontano a causa dello zero rimediato nell'ultima gara a Sochi. Intanto Carlos Sainz (66) ha messo nel mirino la sesta piazza di Gasly (69). Per quanto riguarda i team, la Mercedes è ormai prossima al sesto sigillo consecutivo grazie ai 571 punti con cui precede Ferrari (409) e Red Bull (311), nella lotta per il quarto posto la McLaren (101) ha staccato la Renault (68).

Classifica piloti

Classifica costruttori

Calendario - Risultati

Il circuito di Suzuka

Lungo 5807 metri suddivisi in 18 curve, il circuito di Suzuka è stato inaugurato nel 1962. Costruito dalla Honda dentro un parco giochi situato nelle vicinanze dell'omonima città come tracciato da utilizzare nei test, il circuito è entrato nel calendario del mondiale di Formula 1 nel 1987 ospitando 32 edizioni quasi tutte consecutive (nel biennio 2007-08 la manifestazione si tenne al Fuji) del Gran Premio del Giappone. Unica pista ad avere una conformazione a 8, si tratta di un tracciato molto tecnico e ricco di punti suggestivi quali la sequenza di curve in successione tra la 3 e la 7, il tornantino Hairpin, la "curva del cucchiaio" (Spoon curve) e la 130R, che i piloti affrontano a oltre 300 chilometri orari. Si tratta, soprattutto, di un circuito legato a numerosi episodi che hanno fatto la storia della categoria in quanto per anni ha ospitato l'appuntamento conclusivo o quasi della stagione. Tra questi, impossibile non ricordare i due controversi contatti tra Alain Prost e Ayrton Senna nel biennio 1989-90 che hanno indirizzato il titolo nelle mani prima di uno e poi dell'altro pilota l'anno successivo. Qui, inoltre, la Ferrari ha interrotto il lungo digiuno iridato nel 2000 con la conquista del titolo piloti ad opera di Michael Schumacher mentre Kimi Raikkonen vi ha ottenuto la più bella vittoria in carriera dopo essere partito dalla diciassettesima posizione nel 2005. Non solo trionfi, cinque anni sul circuito fa ha perso la vita Jules Bianchi, giovane pilota della Marussia rimasto vittima di un terribile incidente che ne ha fatto la prima vittima a oltre 20 anni dalla scomparsa di Senna. Il pilota più vincente è Michael Schumacher dall'alto dei suoi 6 successi, il tedesco è inseguito da Lewis Hamilton e Sebastian Vettel, appaiati a quota 4 e unici vincitori in attività oltre al sopracitato Raikkonen. Per quanto riguarda i team, in testa si trova la McLaren forte di 9 trionfi (2 dei quali, però, ottenuti sul circuito del Fuji), seguono Ferrari (7) e Mercedes (5).