Lewis Hamilton, pole position numero 78 per lui (LaPresse)
Lewis Hamilton, pole position numero 78 per lui (LaPresse)

Francorchamps, 25 agosto 2018 - I motori dei protagonisti del mondiale di Formula 1, dopo la consueta pausa estiva, sono tornati a farsi sentire questo weekend sullo storico tracciato di Spa-Francorchamps per il Gran Premio del Belgio 2018. Oggi è stato il turno della terza e ultima sessione di prove libere (ore 12) e delle qualifiche, partite alle 15. La pole è andata a Lewis Hamilton, aiutato dallo scroscio di pioggia che ha bagnato l'ultima manche della sessione, il Q3. Dietro al leader del mondiale, partiranno Sebastian Vettel e un sorprendete Ocon. Delusione per Kimi Raikkonen, sesto a causa del repentino miglioramento della pista che ha consentito a molti di migliorare i propri tempi poco prima dello scadere, stessa situazione per i piloti Red Bull, Verstappen e Ricciardo, rispettivamente settimo e ottavo. La vera sorpresa è rappresentata dalle due Force India che - dopo le vicissitudini che hanno colpito il team negli ultimi giorni, con tanto di azzeramento punti costruttori - partiranno entrambe dalla seconda fila. Di seguito il report della sessione e delle FP3 tenutesi in mattinata.

MotoGp Silverstone 2018, le Ducati di Lorenzo e Dovizioso davanti a tutti. Rossi 12°

La diretta

IL REPORT DELLE QUALIFICHE 

Q1, ELIMINATI SAINZ, ALONSO, SIROTKIN, STROLL E VANDOORNE - Pronti, via. Semaforo verde per la prima manche eliminatoria di queste qualifiche con Kimi Raikkonen a precedere tutti con il miglior tempo del weekend sino a quel momento, 1'42''585 per il finlandese con gomma soft. Dietro a Iceman, Bottas (su gomma supersoft, però), Hamilton (velocissimo nel secondo settore), Vettel, Verstappen, Grosjean, Ricciardo, Leclerc, Magnuessen e Ericsson. Eliminazione per Sainz, Alonso, Sirotkin, Stroll  e Vandoorne i quali partiranno dal 14esimo al 18esimo posto alla luce delle penalità che retrocederanno Bottas e Hulkenberg in fondo alla griglia. 

Q2, MIGLIOR TEMPO PER VETTEL. OUT GASLY, HARTLEY, LECLERC, ERICSSON E HULKENBERG - Il primato nella seconda manche va a Sebastian Vettel che stabilisce il nuovo record della pista in 1'41''501 con gomma supersoft. Il ferrarista ha preceduto, a parità di gomma, Raikkonen e Hamilton, coi tre racchiusi in soli 52 millesimi. Completano la top ten Bottas (tempo ottenuto con soft), Verstappen, Perez, Grosjean, Ricciardo, Ocon e Magnussen. Eliminati Gasly, Hartley, Leclerc, Ericsson e Hulkenberg. Pioggia al termine della sessione che costringerà probabilmente i piloti ad affrontare il Q3 sul bagnato. 

Q3, POLE DI HAMILTON DAVANTI A VETTEL E OCON - I piloti escono con le gomme da asciutto, ma la pioggia ritorna a battere e, dopo un pericoloso testacoda per Bottas, rientrano tutti ai box. Duello per la pole con le intermedie su pista in progressivo asciugamento nel finale che ha visto Lewis Hamilton (1'58''179) conquistare la prima piazza di fronte a Sebastian Vettel e Esteban Ocon. A completare una straordinaria seconda fila per la nuova Force India, Sergio Perez davanti a Grosjean, Raikkonen, Verstappen, Ricciardo, Magnussen e Bottas (che partirà dal fondo). Un vero peccato per iceman e i piloti Red Bull che, non avendo sufficiente benzina per fare un altro tentativo, non hanno potuto approfittare del netto miglioramento della pista nei minuti finali.

IL RESOCONTO DELLE FP3 - Anche questo turno ha visto la rossa di Maranello spiccare davanti a tutti, il miglior tempo è andato infatti a Sebastian Vettel il quale ha fermato il cronometro in 1’42''661. A completare la doppietta Ferrari, il secondo posto di Kimi Raikkonen, staccato di soli 63 millesimi e tallonato a sua volta da Hamilton, terzo ma vicinissimo al duo in rosso (+ 0.137). I tempi del terzetto di testa sono stati tutti ottenuti con gomma supersoft, ma il britannico della Mercedes ha fatto registrare tempi interessanti e vicini anche con la soft. Quarto posto per Bottas, lontano oltre mezzo secondo dal compagno e autore di una manovra che avrebbe potuto farlo incorrere in un'altra penalità dopo quella comminatagli per la sostituzione della Power Unit. Il finlandese ha infatti 'spinto' inavvertitamente Vandoorne sull'erba nel rettilineo del Kemmel causandone l'incidente, una distrazione che poteva costargli cara.

Quinto e sesto posto per le Red Bull di Verstappen e Ricciardo, distanti però quasi 2 secondi dalla vetta, l'impressione è che il motore Renault non riesca a reggere il passo di quelli Ferrari e Mercedes sul velocissimo tracciato belga. Settimo un ottimo Leclerc (+ 2.302) a confermare il bel risultato delle FP2, dove si era classificato decimo. Completano la top ten i due piloti della Racing Point (ex Force India con i punti nei costruttori azzerati), Sergio Perez e Esteban Ocon, separati da Nico Hulkenberg (9°) su Renault.

Questa la classifica completa al termine della sessione.