Fiorentina in finale di Coppa Italia e ora sogna quella di Conference

Fiorentina in finale di Coppa Italia e ora sogna quella di Conference
Fiorentina in finale di Coppa Italia e ora sogna quella di Conference

fiorentina

0

cremonese

0

FIORENTINA (4-2-3-1): Terracciano 6; Dodo 6.5, Milenkovic 6, Igor 6.5 (19’ st Ranieri 6), Biraghi 6; Mandragora 6, Castrovilli 5.5 (38’ st Amrabat sv.); Ikone 5.5 (19’ st R.Sottil 6), Barak 5, Gonzalez 5.5 (46’ st Kouame sv); Cabral 6 In panchina: Cerofolini, Vannucchi, Venuti, Martinez Quarta, Terzic, Duncan, Bianco, Saponara, Brekalo, Jovic. Allenatore: Italiano 5.5

CREMONESE (4-4-2): Sarr 6; Sernicola 6, Ferrari 6.5, Lochoshvili 6.5, Ghiglione 6 (1’st Valeri 6); Pickel 5.5, Meité 6, Galdames 6, Quagliata 6 (22’ st Buonaiuto 6); Afena-Gyan 5.5 (25’ st Castagnetti 6), Okereke 5.5 (11’ st Dessers 6) In panchina: Carnesecchi, Saro, Bianchetti, Vasquez, Acella, Benassi, Basso Ricci, Ciofani. Allenatore: Ballardini 6

ARBITRO: Marinelli 6

NOTE: serata umida, terreno in buone condizioni. Spettatori: 31131. Incasso: 452848 euro. Ammoniti: Dodo, Igor, Ghiglione, Sernicola. Angoli: 12-3 per la Fiorentina. Minuti di recupero: 1’ pt, 5’st

Firenze

Alla Fiorentina basta un semplice 0-0 con la Cremonese nella sfida di ritorno per assicurarsi il pass per la finalissima di Coppa Italia Frecciarossa 2023. Al Franchi davanti ad una splendida cornice di pubblico va in scena un match tanto equilibrato quanto bloccato, privo di grandi occasioni da gol praticamente dal fischio d’inizio fino a quello finale. A far festa sono ovviamente solo gli uomini di Vincenzo Italiano, che il 24 maggio affronteranno l’Inter allo Stadio Olimpico di Roma nell’undicesima finale di coppa della storia del club.

La squadra di Davide Ballardini, invece, dopo il doppio miracolo contro Napoli e Roma è costretta ad abbandonare il torneo comunque a testa altissima. Nel primo tempo di Firenze c’è davvero poco da raccontare, mentre nella ripresa, complice qualche tentativo offensivo in piu’ da parte degli ospiti, si aprono maggiori spazi per le ripartenze dei viola, che sfiorano il gol al 76’ con un mancino a giro dal limite di Nico Gonzelez, terminato a lato non di molto.

Una manciata di minuti più tardi ci prova anche Cabral con un colpo di testa in torsione sul corner di Biraghi, mancando però lo specchio della porta. Nel finale succede poco altro, al triplice fischio resiste lo 0-0 e la Fiorentina può festeggiare l’approdo in finale. La Fiorentina mancava dalla finale di Coppa Italia dal 2014, quando era stata battuta nell’ultimo atto del torneo dal Napoli. E ora sogna anche la finale di Conference League.