Volley femminile, Paola Egonu (foto Ansa)
Volley femminile, Paola Egonu (foto Ansa)

Ankara, 21 agosto 2019 – Inizieranno in Turchia i Campionati Europei di pallavolo femminile 2019. Anche l’Italia figurerà fra le squadre partecipanti, in quella che si preannuncia essere una competizione avvincente. Nell’ultima edizione, disputata in Azerbaigian e Georgia, fu la Serbia a trionfare. Le azzurre si dovettero arrendere ai quarti di finale contro i Paesi Bassi. Andiamo a vedere come sarà strutturata l’edizione 2019 dell’Europeo di volley femminile. 

Europei pallavolo: il calendario dell'Italia e le convocate azzurre

Europei volley, date e città

La competizione prenderà il via venerdì 23 agosto, con la prima giornata che si disputerà in contemporanea per tutti e quattro i gironi. La fase a gruppi terminerà giovedì 29 agosto, poi due giorni di pausa e domenica 1 settembre si riparte per gli ottavi di finale. Mercoledì 4 settembre si giocheranno i quarti di finale, chi la spunterà si affronterà in semifinale sabato 7 settembre. Le due finali, quella per il terzo-quarto posto e quella per decretare il vincitore del torneo, andranno in scena domenica 8 settembre. Gli impianti che ospiteranno la competizione saranno il Baskent Voleybol Salonu di Ankara (Turchia), l’Atlas Arena di Lodz (Polonia), il László Papp Budapest Sports Arena di Budapest (Ungheria) e l’Ondrej Nepela Arena di Bratislava (Slovacchia). Ad ognuno dei quattro gironi è stato assegnato un impianto in cui affronterà l’intero calendario, ottavi e quarti di finale saranno miste tra le varie città mentre semifinali e finali si giocheranno tutte ad Ankara

Europei volley: girone Italia, ecco i pericoli

Formula e gironi degli Europei di pallavolo

L’Europeo di volley femminile 2019 vede la partecipazione di 24 squadre, suddivise in quattro gironi da sei squadre ciascuno. Le squadre che parteciperanno all’Europeo sono le quattro nazionali dei paesi organizzatori, le prime otto nazionali classificate al campionato europeo 2017 e le dodici nazionali che hanno superato le qualificazioni. La fase a gironi viene affrontata con la formula del girone all’italiana, al termine del quale le prime quattro squadre classificate di ogni girone hanno accesso alla fase finale. Per quanto riguarda i punteggi, se il risultato finale della partita è di 3-0 o 3-1 vengono assegnati 3 punti alla squadra vincente e 0 a quella sconfitta, mentre se il risultato finale è di 3-2 vengono attribuiti 2 punti alla squadra vincente e 1 a quella sconfitta. In caso di parità di punti al termine del girone, per decidere l’ordine della classifica si valutano, in ordine, il numero di partite vinte, i punti ottenuti, la ratio dei set vinti/persi, la ratio dei punti realizzati/subiti e infine i risultati degli scontri diretti. Per quanto concerne invece ai gironi, l’Italia figura nel gruppo B assieme a Belgio, Polonia, Portogallo, Slovenia e Ucraina. Il gruppo A è invece composto da Bulgaria, Finlandia, Francia, Grecia, Serbia e Turchia, mentre il gruppo C è formato da Azerbaigian, Croazia, Estonia, Paesi Bassi, Romania e Ungheria. Il gruppo D, infine, vedrà la partecipazione di Bielorussia, Germania, Russia, Slovacchia, Spagna e Svizzera

GIRONE A: Bulgaria, Finlandia, Francia, Grecia, Serbia, Turchia

GIRONE B: Belgio, Italia, Polonia, Portogallo, Slovenia, Ucraina

GIRONE C: Azerbaigian, Croazia, Estonia, Paesi Bassi, Romania, Ungheria 

GIRONE D: Bielorussia, Germania, Russia, Slovacchia, Spagna, Svizzera 

Europei volley, scopri la Nazionale italiana

Europei volley, le squadrfe favorite