di Paolo Franci L’annunciata svolta epocale è arrivata: il satellite non è più il padrone del pallone in tv, inteso come la nostra Serie A, che dalla prossima stagione rimbalzerà totalmente sul web in streaming. Sì, certo, poi il satellite e cioè Sky ha ancora la possibilità di aggiudicarsi il ‘pacchetto 3’ (tre gare in co-esclusiva con Dazn) che interessa anche Mediaset, opzione di trattativa che però scadrà il 29 marzo così come è previsto dal bando. Il calcio però, tutto il calcio di Serie A per il triennio 2021-24 sarà di Dazn, che di fatto prende il posto di Sky quale principale broadcaster del nostro campionato. Dopo una lunga fase di trattativa, caratterizzata dalla ‘tradizionale’ spaccatura nella Lega di Serie A è arrivata la svolta con 16 voti a favore dei club e 4 contrari (Genoa, Crotone, Samp e Sassuolo). Dazn ha vinto la corsa in virtù...

di Paolo Franci

L’annunciata svolta epocale è arrivata: il satellite non è più il padrone del pallone in tv, inteso come la nostra Serie A, che dalla prossima stagione rimbalzerà totalmente sul web in streaming. Sì, certo, poi il satellite e cioè Sky ha ancora la possibilità di aggiudicarsi il ‘pacchetto 3’ (tre gare in co-esclusiva con Dazn) che interessa anche Mediaset, opzione di trattativa che però scadrà il 29 marzo così come è previsto dal bando. Il calcio però, tutto il calcio di Serie A per il triennio 2021-24 sarà di Dazn, che di fatto prende il posto di Sky quale principale broadcaster del nostro campionato. Dopo una lunga fase di trattativa, caratterizzata dalla ‘tradizionale’ spaccatura nella Lega di Serie A è arrivata la svolta con 16 voti a favore dei club e 4 contrari (Genoa, Crotone, Samp e Sassuolo).

Dazn ha vinto la corsa in virtù degli 840 milioni messi sul piatto che le hanno garantito i pacchetti 1 e 3 del bando e cioè la possibilità di trasmettere in diretta streaming l’intera giornata di serie A: sette partite in esclusiva e tre in co-esclusiva. A questo punto, arrivano le domande che più interessano a noi fruitori del calcio in tv. Quanto ci costerà vedere la Serie A per intero? E come? E se volessi vedere tutto, il calcio in tv?

Innanzitutto, la tecnologia che diffonde il segnale in streaming ha bisogno di una connessione internet adeguata e performante. Se non altro perchè ormai lo streaming è entrato nelle nostre case con Amazon, Netflix, Rakuten, Now tv e tutti gli altri. Se a questi si aggiungono i nostri figli che giocano on line (e ‘succhiano’ banda internet...) i cellulari, i pc e i tablet, beh, si evince come una connessione di livello sia necessaria per potersi godere lo streaming in scioltezza. In ogni caso il costo della Serie A dovrebbe aggirarsi attorno ai 30 euro, il che rappresenta un risparmio notevole rispetto all’attuale scenario.

In questa stagione per vedere tutta la Serie A c’è bisogno dell’abbonamento a Sky - che non può prescindere dal pacchetto obbligatorio Sky Tv (circa 20 euro), che in tandem con il pacchetto Calcio (15 euro circa) che garantisce sette match di campionato e quello Sport (circa 15 euro ciascuno) sul quale vengono trasmesse (oltre alla F1, la MotoGp, Nba e altro) le partite di Champions ed Europa League costava sui 50 euro, al netto di sconti ‘ad personam’ ecc. - e di quello a Dazn (9,90 mese). Per risparmiare, si poteva virare sulle sette partita di Serie A trasmesse da Sky su NowTv, la sua piattaforma streaming, al costodi 29,90 euro più i 9,90 di Dazn per le altre tre partite. A questo punto, un risparmio notevole, sempre tenendo presente che Sky avrebbe potuto comunque rilanciare con nuove offerte.

Dunque, accertato che con circa 30 euro si vedrà la Serie A, come ci si regola per Champions ed Europa League? Si torna su Sky e le cifre sono quelle già snocciolate, passibili di nuove offerte, sia chiaro. Però ci sono le alternative. Il pacchetto più ricco per la Champions 2021-24 se lo è aggiudicato Sky: 121 partite su 137, oltre che di tutta l’Europa League e dell’Europe Conference League, il nuovo torneo UEFA che debutterà il prossimo anno: in tutto 403 partite. Queste 121 partite di Champions saranno trasmesse in esclusiva per gli abbonati Sport, potranno essere viste su satellite, digitale terrestre ed ovviamente in streaming sulla piattaforma NowTV. Occhio però, perchè dal prossimo anno la Champions è anche su Amazon, che fa il suo debutto con le 16 migliori partite del mercoledì e si vocifera che ‘Mr. Amazon’ Jeff Bezos voglia dare priorità ai match delle italiane. Come vederle? Per ora pare che basti l’attuale abbonamento ad Amazon Prime per lo shopping a consegna rapida su Amazon.it, che costa 36 euro l’anno e dà diritto alla visione di Amazon Video. Poi, c’è Mediaset, che ha portato a casa 17 partite in chiaro (che vedremo gratis e c’è anche la finale) e 104 a pagamento per le quali non si conoscono ancora costi. Dove le vedremo? Non si sa se si tratterà di Mediaset Play o Infinity. In ogni caso, navigando tra le diverse possibilità di fruizione, si avrà la possibilità di vedere tutta la Champions League ad esclusione di una partita per turno, su tablet, smartphone e smart TV. E le 282 gare di Europa League? Tutte su Sky, che forse trasmetterà in chiaro su TV8 una partita del giovedì.