Leo Turrini

Quando, ahimè molto tempo fa!, ero un cronista alle prime armi, il mio concittadino Nardino Previdi era un top manager del calcio italiano. Aveva vinto lo scudetto con la Roma di Falcao e lavorava per la Fiorentina di Baggio. Un giorno mi capitò di dirgli che mi dispiaceva per la ingrata sorte toccata ad un famoso allenatore, cacciato su due piedi. Previdi mi diede una risposta che non ho mai dimenticato: per carità, conservi il suo dolore se a perdere il posto è un operaio o un impiegato, i mister della pedata mica faticano a mettere insieme pane e companatico se salta la panchina...

Segue all’interno