25 nov 2021

Dzeko fa ballare all’Inter una marcia Real

I nerazzurri battono lo Shakhtar con la doppietta di Edin e si qualificano grazie alla vittoria di Ancelotti che elimina il Tiraspol

giulio mola
Sport
Edin Dzeko, 35 anni, segna di testa in solitudine il raddoppio contro lo Shakhtar Donetsk dopo il primo gol realizzato con un destro quasi dal limite
Edin Dzeko, 35 anni, segna di testa in solitudine il raddoppio contro lo Shakhtar Donetsk dopo il primo gol realizzato con un destro quasi dal limite
Edin Dzeko, 35 anni, segna di testa in solitudine il raddoppio contro lo Shakhtar Donetsk dopo il primo gol realizzato con un destro quasi dal limite

di Giulio Mola Missione compiuta. L’Inter abbatte il tabù Shakhtar Donetsk e dopo dieci anni approda agli ottavi di Champions League con un turno d’anticipo. Che non è solo una questione di prestigio sportivo ma anche vera e propria manna dal cielo per i bilanci, visto che nelle casse societarie entrano circa 20 milioni. Il giusto premio dopo un girone cominciato in salita ma che si chiude trionfalmente. Ieri sera nulla era scontato, perché c’era da superare la maledizione Shakhtar. Dopo tre 0-0 consecutivi fra le due squadre (66 tiri totali di cui 43 dei nerazzurri nelle ultime tre sfide) decisiva è stata la doppietta di Edin Dzeko nella ripresa: l’uno-due in una manciata di minuti ha messo al tappeto gli ucraini guidati da De Zerbi, squadra molto brasiliana, brava nel palleggio ma troppo leziosa. Discorso a parte va fatto per l’Inter, che dopo aver piegato il Napoli capolista ottiene la terza vittoria di fila in Champions (non succedeva dal 2011) e un traguardo fondamentale. Tante volte si era detto negli ultimi anni: "A certi livelli in Europa serve un atteggiamento diverso". Eccolo qua. Tutti serviti (compreso Antonio Conte che aveva considerato la squadra "non alla sua altezza"). E non solo per il successo, ma per come è stata ottenuto: l’atteggiamento c’è stato, l’intensità pure, le occasioni anche, il gioco è stato brillante. Due bellissime reti, altre due annullate, Trubin il migliore in campo e altri tre punti che sommati ai precedenti 7 portano a 10 il bottino. Di più: se ieri il primo tempo fosse finito 4-0 ci sarebbe stato poco da dire viste le grandi opportunità fallite da Barella, Ranocchia e soprattutto Dzeko. In realtà un gol l’Inter l’aveva pure realizzato con Perisic, ma l’assist-man Darmian era stato pizzicato con un tacco in fuorigioco. Nella ripresa, però, i nerazzurri dopo aver annusato il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?